Vendevano pioppi ma non dichiaravano nulla

La legna in cascina era tanta, anche troppa, per citare una classica frase contadina, ma la guardia di Finanza di Casale ha rimesso tutto a posto. Le Fiamme Gialle infatti hanno individuato decine di privati, non imprenditori (nomi non forniti ndr), tutti proprietari di terreni, protagonisti di vendite di piante di pioppo a una società che opera nel settore della fabbricazione di imballaggi in legno. Il denaro incassato, complessivamente oltre 300 mila euro, non era però stato dichiarato al Fisco. La scoperta è avvenuta durante l’attività ispettiva eseguita nei confronti di un’azienda della provincia alessandrina che acquista legno dai soggetti successivamente identificati come evasori. Grazie ai documenti acquisiti nel corso del controllo, le Fiamme Gialle sono riuscite a identificare tutti i venditori, quantificare gli importi corrisposti ad ognuno in relazione alla tipologia di piante tagliate e trasportate via per la lavorazione. I terreni interessati sono tutti situati tra il Monferrato, il vercellese e la provincia di Torino.