adv-163

NOVI LIGURE – L’ispezione, da parte dei Carabinieri del Nucelo Operativo Ecologico di Alessandria, all’interno di un’impresa del Novese che si occupa della produzione di manufatti siderurgici, ha portato alla luce diverse irregolarità. I militari hanno scoperto un’area di considerevoli dimensioni utilizzata illecitamente come deposito incontrollato di recipienti contenenti rifiuti liquidi come olio, solventi e vernici, oltre a bancali di legno ridotti a pezzi e in parte incendiati. La verifica ha anche portato alla luce diverse inadempienze in ambito di sicurezza sul lavoro.  I Carabinieri, affiancati dal Corpo Forestale, hanno contestato locali poco salubri, estintori e vie di fuga non conformi, apparecchiature sprovviste di paratie di sicurezza. A questo si è aggiunto il mancato aggiornamento del nuovo responsabile della sicurezza e del medico competente, oltre che del nuovo titolare sul certificato di prevenzione incendi e sull’autorizzazione integrata ambientale, di fatto mai volturata dopo il passaggio di proprietà avvenuto negli anni precedenti.

Il rappresentante legale dovrà pertanto rispondere all’Autorità Giudiziaria di Alessandria dei reati di gestione illecita di rifiuti pericolosi e non pericolosi, oltre all’omissione di cautele in ambiente di lavoro.