Immagine Il dramma di Pietro, morto a soli 16 anni

AGGIORNAMENTO 27 NOVEMBRE: La dinamica dell’incidente è ancora al vaglio dei carabinieri ma secondo le prime ricostruzioni Pietro Costa stava percorrendo il ciglio della strada nello stesso senso di marcia del suv, una Yundhai Santa Fè. L’auto ha urtato con lo specchietto il giovane e l’urto ha prodotto un ulteriore urto della testa contro il mezzo. L’impatto è stato violento e per Pietro l’intervento immediato dei soccorsi è risultato inutile. La spiegazione dell’incidente tuttavia non può colmare il vuoto lasciato da un giovane di soli 16 anni, pieno di vita e dall’ottimismo contagioso.

NOTIZIA: Rosignano Monferrato è sotto choc e al Ciofs di Casale il classico entusiasmo degli studenti oggi è stato stroncato dalla triste notizia della morte per incidente stradale di Pietro Costa, 16 anni. Il giovane lunedì stava rientrando a casa dopo una giornata con gli amici quando improvvisamente è stato travolto da un suv. Tutto è accaduto poco dopo le 18, a Rosignano, nel tratto tra il Castello di Uviglie e San Martino di Rosignano. Una vita spezzata a soli 16 anni per un ragazo pieno di vita e di ottimismo, come ha raccontato sconsolato il direttore del Ciofs di Casale Franco Oddone: “una cosa pazzesca. Questa mattina alle 8 quando ho saputo cosa era successo io sono rimasto senza parole. E’ una cosa terribile. Abbiamo cercato di metterci in contatto con la famiglia, siamo riusciti a trovarla vicino alla camera mortuaria anche perché la mamma si trovava in Sardegna per lavoro. Noi siamo a loro disposizione naturalmente anche perché Pietro è arrivato quest’anno da noi ma aveva già riempito la scuola di positività. Sembra facile dirlo ora ma lui era veramente un ragazzo speciale. Ci ha messo poco a diventare il leader della classe, positivo, sempre a disposizione per tutte le nostre attività extrascolastiche. Arrivava con la sua chitarra al pomeriggio ed era un punto di riferimento per tutti i suoi compagni e anche per noi docenti era bello confrontarsi con lui. Stavamo preparando uno spettacolo per Natale e lui era impegnato su vari fronti per questo spettacolo. Era disponibile per tutte le cose belle che c’erano da fare. Parlando coi genitori, ai quali abbiamo detto quanto eravamo contenti di aver accolto il figlio nella loro scuola, loro ci hanno detto quanto fosse contento di essere venuto da noi e purtroppo ora non c’è più”.
Sulla dinamica dell’incidente ora indagano i carabinieri ma l’esito dei rilievi non potrà certo giustificare le ragioni di una morte a questa età.
Pietro Costa frequentava il secondo anno di operatore meccanico e faceva anche parte della band “The Crash”.
Oltre alla mamma, Daniela Vignati, con cui viveva, Pietro lascia anche il papà, Luciano, e la sorella Anita. Ancora non sono stati definiti i funerali.