Costretto a vivere in un container di pochi metri quadrati per 150 euro alla settimana

Viveva in un container di pochi metri quadrati, alle dipendenze del responsabile di un’officina di Acqui Terme (il nome non è stato comunicato ndr). Questa triste storia di sfruttamento è stta scoperta dalla Guardia di Fnanza acquese grazie all’approfondimento di alcuni elementi investigativi. I militari sono entrati nell’officina e hanno scoperto il lavoratore, nigeriano, senza permesso di soggiorno. L’uomo viveva in un container di pochi metri quadrati all’interno dell’azienda, in precarie condizioni igienico sanitarie. Come ha raccontato alle Fiamme Gialle per il suo lavoro percepiva 150 euro alla settimana. Il responsabile dell’officina, oltre alle sanzioni amministrative per l’impiego di lavoratori “in nero”, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per sfruttamento di manodopera clandestina.

adv-865