adv-429

ALESSANDRIA – Il Campus estivo dell’istituto Volta di Alessandria ha appassionato tanti ragazzi e dimostrato la bellezza del sapere. L’iniziativa è stata incentrata quest’anno attorno al tema della “Scienza e magia (spiegare l’inspiegabile)“.

Le attività proposte sono state molteplici e hanno toccato molte materie come la chimica, la fisica, l’informatica, la robotica con l’aggiunta della lingua inglese. Un percorso pensato per avvicinare i giovanissimi ragazzi della scuola secondaria di I grado alla cultura scientifica con un approccio ludico-creativo. Tra le attività proposte i ragazzi hanno potuto assistere e sperimentare all’inspiegbile “levitazione” di alcune sagome in mylar (un materiale con proprietà chimiche eccellenti usato anche nelle missioni spaziali).
Responsabile della magia è stata una bacchetta magica, anzi, una bacchetta elettro-magica ovvero una versione portatile del famoso generatore di Van de Graaff (lo stesso che fa rizzare i capelli nelle dimostrazioni delle mostre scientifiche e musei). Per capire gli effetti sorprendenti e “magici” appunto, si è parlato di atomi, di cariche elettriche, di elettrizzazione della materia, di triboelettricità, una vera e propria introduzione al metodo dell’indagine scientifica.