Promotore finanziario abusivo denunciato dalla Guardia di Finanza: sequestrati 150mila euro

ACQUI TERME – Da quasi 10 anni esercitava la professione di promotore finanziario ma senza i titoli necessari. La Guardia di Finanza di Acqui Terme ha agito dopo aver rilevato gli ingenti e non giustificati movimenti finanziari dell’indagato.
Le indagini delle Fiamme Gialle hanno fatto emergere l’esercizio abusivo del promotore che avrebbe anche architettato una vera e propria truffa ai danni dei clienti per una somma complessiva di oltre un milione di euro. Diverse persone avevano affidato i risparmi di una vita dietro la promessa di grandi profitti, avvalorati da documentazione bancaria in realtà totalmente falsa. Per evitare di essere smascherato l’uomo si affidava a un suo piccolo tesoretto dal quale attingere nei casi in cui i clienti chiedessero liquidità.

La Procura della Repubblica di Alessandria, alla luce degli elementi raccolti, ha ordinato il sequestro di oltre 150.000 euro depositati nei conti correnti, 2.400 euro in contanti nascosti all’interno dell’abitazione nonché diversi computer e telefonini utilizzati per perpetrare la condotta criminosa.
Tra i clienti truffati, anche alcuni amici di vecchia data dell’indagato, ignari della sua radiazione dall’albo, avvenuta proprio per fatti simili. Tra questi, c’è anche chi si è fidato a tal punto da vendere l’appartamento e affidargli il denaro. Le indagini rivolte alla precisa quantificazione della truffa e all’individuazione delle parti offese sono ancora in corso.
L’azione posta in essere quotidianamente dalla Guardia di Finanza, di contrasto ai fenomeni di abusivismo bancario e finanziario, tutela il trasparente investimento dei risparmi dei cittadini e previene diffuse forme di truffa.