AGGIORNAMENTO ORE 14.31 (08/12/2018) – Si è spento nel primo pomeriggio di sabato 8 dicembre l’operaio di 57 anni caduto ieri nel cantiere del Terzo valico a Voltaggio dopo un volo di circa 5 metri da un’impalcatura. Fatali sono state le ferite alla testa che hanno così provocato il decesso avvenuto nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Alessandria dove l’uomo era stato ricoverato.

AGGIORNAMENTO ORE 12.25 (07/12/2018) – È ricoverato in rianimazione, in prognosi riservata, l’operaio del Terzo Valico precipitato questo venerdì mattina da un ponteggio a circa 5 metri di altezza, montato all’interno di un pozzo profondo circa 150 metri, scavato per areare una delle gallerie del cantiere di Voltaggio.

L’uomo, in base alle prime informazioni raccolte dipendente della ditta Edilmak, aveva sbattuto violentemente la testa ed era apparso in gravi condizioni. Estratto dal pozzo dai Vigili del Fuoco, l’uomo era stato subito affidato alle cure del medici del 118 e poi portato in codice rosso all’Ospedale di Alessandria.

 

VOLTAGGIO – I Vigili del Fuoco, il 118 e i Carabinieri di Voltaggio della Compagnia di Novi Ligure sono intervenuti questa mattina per soccorrere un operaio di 57 anni, caduto in un pozzo all’interno di un cantiere del Terzo Valico. L’uomo stava operando su un ponteggio a 5-6 metri di altezza ed è caduto a terra battendo violentemente la testa. L’incidente si è verificato verso le 8 di questa mattina ma grazie al lavoro dei pompieri l’uomo, intorno alle 8.40, è stato estratto.

Seguiranno aggiornamenti.