OVADA – Stava sfrecciando oltre i limiti di velocità lungo il tratto dell’A26 che collega Ovada a GenovaIl pullman con a bordo 30 turisti stranieri partiti da Malpensa, tra cui 8 bambini, si spostava anche senza motivo tra le corsie dell’autostrada. Grazie all’occhio attento e all’intervento della Polizia Stradale di Ovada venerdì si sono scongiurati incidenti che avrebbero potuto mettere a rischio la vita delle persone a bordo del pullman e di tutti altri automobilisti in viaggio lungo l’A26.

Quando la pattuglia ha fatto accostare il mezzo in una piazzola di emergenza ha subito avvertito odore di vino avvicinandosi all’autista. L’uomo, un genovese di 52 anni, ha fatto anche fatica a rimanere in piedi in equilibrio davanti ai poliziotti con valori di alcol, alla prima prova, risultati pari a 2 g/l.

Per l’autista del pullman, categoria professionale a cui è assolutamente vietato bere alcolici prima di mettersi alla guida, è scattato immediatamente il ritiro della patente per la successiva revoca, oltre alla denuncia per guida in stato di ebbrezza e la sanzione di più di 600 euro per altre infrazioni al codice della strada.

adv-485