Esame
adv-613

RADIO GOLD – Domani, mercoledì 19 giugno, inizierà la maturità e le ultime ore sono quelle di maggiore tensione tra dubbi, paure e ansie. Per stemperare un po’ la tensione riproponiamo una lettera scritta da un preside di Singapore ai genitori in vista degli esami. Alcune righe per rimarcare l’importanza di non riversare sui figli proprie aspettative o ambizioni. Un testo che va bene ora, prima del grande passo, ma anche in ogni altra occasione, durante la vita di chi ci è vicino. Perché gli esami no finiscono mai e perché ogni tanto, a chi ci affianca una domanda, che non facciamo mai, bisogna farla: “Sei felice?

Ecco il testo della lettera:
“Gli esami dei vostri figli stanno per iniziare, so che sperate che i vostri figli vadano bene.
Ma per favore ricordatevi che tra gli studenti che siederanno per fare gli esami c’è un artista che non capisce la matematica, c’è un imprenditore a cui non interessa la storia, c’è un musicista i cui voti in chimica non saranno importanti, c’è una persona sportiva il cui allenamento è più importante della fisica.
Se tuo figlio andrà bene sarà un’ottima cosa, ma se lui o lei non lo faranno, per favore non privarli della loro fiducia e della loro dignità. Digli che non fa niente, che è solo un esame. Potranno fare cose molto più grandi nella loro vita. Digli che non importa quali saranno i loro voti, li amerai lo stesso senza giudicarli. Comportatevi così per favore. E quando lo farete, ammirerete i vostri figli conquistare il mondo. Un esame o un brutto voto non porteranno via i loro sogni e il loro talento.
Per favore, non pensate che dottori e ingegneri siano le uniche persone felici al mondo”.

Photo by Lacie Slezak on Unsplash