Alessandro Deangelis firma
adv-360


VALENZA – Alessandro Deangelis, coordinatore cittadino di Forza Italia, ha inferto un duro colpo al suo ormai ex partito. Mercoledì ha infatti firmato una lettera con cui ha formalizzato il suo addio al partito azzurro. Dure e secche le accuse mosse dal giovane politico a cominciare da quelle indirizzate al movimento locale. Per Deangelis infatti Forza Italia a Valenza ha dimostrato “mancanza di dialogo tra base e vertice, una ridotta competitività, una assenza di un reale svecchiamento, così come di una politica di meritocrazia oltre a un immobilismo tangibile in consiglio comunale“.

Le accuse indirizzate al partito locale si sono aggiunte a quelle indirizzate al movimento nazionale, “incapace di applicare il messaggio del 94 portato avanti da Silvio Berlusconi” e in difficoltà nel “salvaguardare il fronte cattolico e liberale e nel difendere i valori della famiglia, dell’onore e della sicurezza“. Un “partito che asseconda il proprio declino” ha aggiunto caustico Deangelis che ha scelto quindi di abbracciare Fratelli d’Italia. Dopo le sue dimissioni infatti confluirà in quel partito a cui si sente “vicino” su molti temi come “l’identità nazionale e la difesa della patria“. La scelta di Deangelis, coordinatore cittadino di Forza Italia dal 2015 e da 10 anni militante prima del Popolo della Libertà e poi di FI, è però un piccolo terremoto all’interno del partito. Il politico infatti sarà affiancato da oltre 50 militanti cittadini (il partito a Valenza ha 89 tesserati): “Esprimeranno adesione alla mia lettera – ha spiegato Deangelis – e deciderà di uscire dal partito per seguirmi in questa nuova avventura“. E ci sono le elezioni alle porte.