controlli_acquese

ACQUI TERME – Nell’ultimo fine settimana i Carabinieri di Acqui hanno dato vita a una serie di controlli ad alto impatto con oltre venti militari impegnati. Nove le auto in servizio, provenienti dal Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia e dalle dieci stazioni dipendenti, al lavoro nell’acquese fino a Ovada.

Alla fine sono state identificate 87 persone e sono state comminate 15 denunce. 41 i veicoli controllati. I Carabinieri hanno controllato anche alcuni esercizi pubblici e hanno elevato una decina di contravvenzioni al codice della strada.

Tra i denunciati, cinque sono per reati riguardanti l’immigrazione: si tratta di cittadini extracomunitari risultati irregolari sul territorio nazionale oppure perché privi dei documenti previsti oppure che non hanno rispettato una precedente espulsione. Per tutti sono state avviate le procedure per l’espulsione.

adv-51

Inoltre, sono stati deferiti per furto tre cittadini algerini, fermati all’uscita di un esercizio commerciale, dove avevano appena rubato alcuni generi alimentari per pochi euro.

Altri tre sono stati fermati con dei coltelli o oggetti atti a offendere senza giustificato motivo. Particolare il caso di un cittadino ecuadoregno che, in una piazza di Acqui Terme, è stato trovato, in stato di ebbrezza alcolica, con una pietra in mano come se dovesse usarla contro qualcuno. Tutto il materiale è stato sequestrato come anche i due coltelli trovati ad altri due cittadini durante il controllo.

Inoltre una cittadina rumena è stata denunciata a Ovada per aver violato il divieto di ritorno in quel comune emesso dalla Questura l’anno scorso.

adv-34

Tre persone dovranno poi rispondere di guida in stato di ebbrezza: cinque le patenti ritirate.

Diverse invece le persone segnalate alla Prefettura per uso non terapeutico di sostanze stupefacenti. Sono stati sequestrati diversi grammi di hashish, marijuana ed eroina.

I controlli sul territorio della Compagnia di Acqui Terme, sia su strada che nei principali luoghi di aggregazione come locali, bar, stazioni ferroviarie proseguiranno anche nelle prossime settimane, soprattutto durante i weekend del periodo estivo.