adv-916

PIEMONTE – Potranno scattare dal 1°ottobre le misure anti-smog per abbassare i livelli di Pm10 nelle città piemontesi durante la stagione invernale.  La Giunta regionale ha approvato lo schema delle ordinanze sindacali per i blocchi del traffico nei 34 comuni piemontesi con popolazione superiore ai 20 mila abitanti che hanno superato i valori limite di PM10 e del biossido di azoto NO2 per almeno tre anni, anche non consecutivi. Per la provincia Alessandria, quindi, le ordinanze potranno essere adottate dai sindaci dei Comuni di Alessandria, Casale Monferrato, Novi Ligure e Tortona.

Rispetto al passato, la Giunta ha introdotto una serie di deroghe per andare incontro alle categorie più deboli. In caso di blocco, potranno comunque circolare i mezzi condotti da persone con un reddito famigliare inferiore ai 14 mila euro e anche ai furgoni in appoggio ai montacarichi durante i traslochi e tutti gli altri mezzi che il codice della strada definisce per  “trasporti specifici” e “per uso speciale”.

Confermato anche l’esonero per i veicoli condotti da persone con oltre 70 anni di età: solo 1 veicolo per nucleo familiare e solo a condizione che non si abbiano veicoli che potrebbero circolare liberamente.

adv-553

Prorogata per la stagione 2019-20 la deroga per i veicoli degli operatori economici che accedono o escono dai mercati e dalle fiere autorizzate dai Comuni e dei veicoli al servizio delle manifestazioni autorizzate.

Altra novità riguarda 10 Comuni dell’agglomerato di Torino riusciti a migliorare la qualità dell’aria e quindi esclusi dalle limitazioni. Si tratta di Alpignano, Trofarello, Santena, Carignano, La Loggia, Druento, Pino torinese, Cambiano, Candiolo e Pecetto.

Inquinamento o meno, il “semaforo antismog” non potrà comunque fermare le auto il 25 dicembre, a Santo Stefano e a Capodanno.

adv-631