Inquinamento
adv-456

ALESSANDRIA – Numerose chiamate da diverse zone dell’alessandrino questa mattina per odori “acri e insopportabili che hanno provocato lievi malesseri in alcuni cittadini. Il problema sembra derivare dagli spandimenti nelle campagne limitrofe. Lo spiega il direttore di Arpa, Alberto Maffiotti, al lavoro con i tecnici per compiere le verifiche opportune. I miasmi sono stati avvertiti a Bosco Marengo, Frugarolo, Casal Cermelli, Litta Parodi, il quartiere Pista ad Alessandria e Spinetta. “Ci sono persone che hanno chiamato il 118 dicendo che non stava bene e ha lamentato vomito e bruciore agli occhi“. A determinare il fastidio “gli spandimenti agricoli dopo l’aratura. Il problema è che il freddo notturno confina al terreno gli odori che poi salgono con il calore del giorno che acuisce l’intensità”.

Le verifiche proseguiranno nelle prossime ore anche se Arpa “può solo controllare che gli spandimenti avvengano correttamente e che gli impianti come i biodigestori deputati al trattamento delle varie sostanze lo facciano in maniera corretta“. La questione però, precisa Maffiotti, “è che gli odori derivano dalle nostre abitudini e, purtroppo, hanno anche questa faccia della medaglia, a volte sgradevole”.