adv-417

VALENZA – Forza Italia Valenza perde un altro pezzo. Dopo l’addio di Alessando Deangelis ora è la volta di Gilberto Botter. In una lettera indirizzata al commissario cittadino Gianluca Colletti e al coordinatore provinciale Ugo Cavallera l’ex coordinatore del Popolo delle Libertà dal 2007 al 2015 e vice presidente di Amv Srl tra il 2013 ed il 2014 ai tempi dell’amministrazione Cassano ha girato le spalle al partito di Berlusconi. “Non mi sento più rappresentato dalle scelte dal partito a livello nazionale – scrive Botter – oggi sempre più incapace di interpretare un soggetto moderato, liberale e cattolico, se non a parole, e sempre più bloccato nelle secche dell’indecisione tra sovranismo e centro democratico, realtà quest’ultima molto frastagliata e non organica, dove Matteo Renzi pare avere una prelazione molto forte“.

Anche Botter, come a suo tempo denunciò da Deangelis, il partito valenzano è “completamente privo di meritocrazia“. A questo si aggiunge “una graduale, ma pur continua, decadenza, tanto in termini di consenso quanto di scarsa inclusione di personale politico competitivo e capace“. L’ex azzurro continuerà  a collaborare con ‘Noi Repubblicani’, il polo culturale voluto da Daniela Santanché.

Le dimissioni hanno stupito il commissario Gianluca Colletti: “Sul fatto che a Valenza ci siano dei problemi è evidente, altrimenti il coordinatore provinciale Ugo Cavallera non avrebbe nominato un commissario. Mi stupisce di Gilberto, che è e resta un amico, che parli di questioni nazionali, dei massimi sistemi, quando Valenza ha problemi grandi e seri, come ho potuto costatare in questi quattro mesi. E sono problemi concreti e da affrontare prima di tutto“.

adv-591