CASALE MONFERRATO – Il periodo natalizio appena trascorso ha visto un intensificarsi dell’attività della Polizia Locale di Casale Monferrato. Soprattutto nel centro storico, meta di un grande numero di visitatori in modo particolare nei weekend. Nel corso dell’attività, avvenuta anche con l’ausilio dei sistemi di videosorveglianza, nel periodo delle festività sono state accertate 11 violazioni per abbandono incontrollato di rifiuti o errato conferimento. I punti più critici sono stati quelli delle aree ecologiche di piazza Rattazzi e Viale Marconi. Queste 11 violazioni si vanno ad aggiungere alle 43 accertate nell’arco di tutto il 2019 facendole salire a 54.

Casale Monferrato per essere una città veramente accogliente e turistica deve mettere in atto tutte quelle azioni che migliorino il decoro urbano. Per fare questo abbiamo prima promosso una campagna informativa e, soprattutto durante le festività natalizie, abbiamo chiesto alla Polizia Locale di intensificare i controlli. Il messaggio che deve essere condiviso da tutti è che una città pulita e in ordine è un bene per tutti!“, ha detto il sindaco di Casale Federico Riboldi.

Al fine dell’individuazione dei responsabili la Polizia Locale, in collaborazione con il personale di Cosmo, è proceduta ad aprire i sacchi abbandonati per acquisire all’interno elementi utili all’identificazione. Ai responsabili, identificati sia in titolari di esercizi pubblici e commerciali sia in soggetti privati, sono state notificate, in base alla tipologia di violazioni, le sanzioni previste dalle normative nazionali o regolamentari comunali che prevedono sanzioni pecuniarie da un minimo di 100 euro a un massimo di 1.666 euro. Inoltre sono ancora in corso le procedure per identificare i proprietari di nove veicoli immatricolati all’estero e abbandonati in stato di degrado all’interno del territorio comunale.

adv-343

Nel periodo natalizio sono state anche accertate otto violazioni per attività di parcheggiatore non autorizzato. In applicazione al Regolamento di Polizia Urbana, sono stati disposti quattro ordini di allontanamento (Daspo urbano), dalle zone interessate.