adv-479

ALESSANDRIA – Giorgia Sansone ha 49 anni e da un anno e mezzo sta combattendo contro un cancro al seno triplo-negativo metastatico. I protocolli tradizionali di chemioterapia, radioterapia e immunoterapia non stanno dando effetti e la malattia invece che regredire è proseguita. “Le terapie purtroppo non sono efficaci per colpa di un tumore molto difficile da curare“, ha spiegato Giorgia.

La donna ha così pensato di provare altre strade e in altri Paesi. Una di queste l’ha portata a contattare il Sheba Medical Center di Tel Aviv in Israele. “Si tratta di uno dei migliori centri al mondo specializzato in questo genere di terapie“, ma è anche molto costoso. “Il costo delle cure si aggira intorno ai 300 mila euro, somma che non dispongo. Purtroppo non ho nemmeno una assicurazione che possa coprire anche solo parzialmente le cure“. Da qui la decisione di aprire una raccolta fondi su Gofoundme dal titolo Una speranza per Giorgia.

Perché è proprio di una speranza che ho bisogno“, ha spiegato la donna. “Ogni giorno che passa è un giorno in più che la malattia avanza con tutte le conseguenze del caso“. In questi giorni Giorgia ha avuto i primi contatti con l’ospedale israeliano e a marzo partirà per una prima visita di controllo. Il tutto a sue spese. “Poi dopo la visita decideremo il da farsi. Certo è che se non avrò la giusta somma a disposizione non potrò andare avanti con le cure“, ha aggiunto con consapevolezza.

Per poi aggiungere che se non avrà “la possibilità di accedere a questa nuova terapia, in tempi brevi, la mia possibilità di sopravvivenza si ridurrebbe drasticamente. Non chiedo grosse cifre, ma anche donazioni di pochi euro perché tanti piccoli gesti possono creare un qualcosa di molto più grande“.