adv-649

TORINO – Potrebbero proseguire anche oltre il primo marzo le misure restrittive adottate dalla Regione Piemonte nel tentativo di contenere il contagio del coronavirus. Lo ha detto in un incontro con la stampa nella sede della Protezione Civile regionale l’assessore alla sanità Luigi Icardi.

In Piemonte i casi negli ultimi due giorni non sono aumentati. Tutti coloro che sono stati posti sotto osservazione sono risultati negativi“, ha spiegato. Tuttavia, secondo l’assessore, bisogna “prendere atto della situazione del Nord Italia: la Lombardia, con la quale confiniamo per centinaia di chilometri si trova in una posizione un po’ diversa“. Da qui la possibilità di “prorogare ancora per un po’” le misure restrittive e “decideremo venerdì, d’intesa con il ministero e con le altre Regioni“.