adv-758

PIEMONTE – La Regione Piemonte autorizzerà l’esame del tampone per il coronavirus anche a tutti gli operatori sanitari, indipendentemente dalla presenza di sintomi. Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha infatti sottolineato di voler riattivare laboratori in Piemonte, a Biella e Vercelli, utili per l’analisi di questo tipo di esame, così da proteggere il più possibile tutti gli operatori. “Tutelando loro tuteliamo tutti, un gesto di tutela e di affetto verso chi sta facendo un grande lavoro” ha detto Cirio “sarà un processo graduale ma questo permetterà di fare i test senza sovraccaricare il sistema“.

“Accogliamo favorevolmente la proposta, presentata dal governatore Alberto Cirio durante il confronto con le rappresentanze sindacali dei dirigenti ospedalieri – ha sottolineato il sindacato Anaao Assomed all’Ansa “di estendere l’esecuzione dei tamponi per testare la positività al Covid-19 a tutti gli operatori sanitari, anche se asintomatici. La proposta è in linea con le nostre richieste: la necessità di testare i sanitari deriva soprattutto dalla possibilità che essi diventino grandi diffusori, e possano inconsapevolmente trasmettere il virus. Le ultime evidenze hanno dimostrato che il rischio di sviluppare un’insufficienza respiratoria grave è proporzionale all’entità di esposizione al virus: dunque tutti i casi clinici avranno decorsi meno gravi se riducono il contatto con i positivi”.