TORINO – Il Piemonte apre le porte alla sperimentazione del farmaco Avigan contro il coronavirus. La Direzione Sanità della Regione ha infatti invitato le Aziende sanitarie a manifestare la propria disponibilità all’utilizzo sperimentale di questa terapia. Il tutto secondo le indicazioni che verranno emanate lunedì 23 marzo dall’Agenzia italiana per il farmaco. Le segnalazioni tempestive delle Aziende sanitarie permetteranno di favorire il coordinamento delle attività e il dialogo con le autorità nazionali.

Il medicinale porta il nome generico di Favipiravir ma tra i non addetti ai lavori è conosciuto con il nome di Avigan. Si tratta di un farmaco antivirale prodotto per la prima volta nel 2014 dal gruppo giapponese Fujifilm Toyama Chemical. In questi giorni il suo nome è tornato in auge grazie a un video pubblicato su Facebook in cui si elencavano i benefici di questo farmaco per i pazienti affetti da Covid-19.

Secondo quanto dichiarato da Zhang Xinmin, direttore del Centro nazionale cinese per lo sviluppo della biotecnologia, l’Avigan avrebbe una elevata “efficacia nel trattamento del coronavirus“. Per l’esperto cinese a chi viene somministrato si risconta la “negativizzazione del virus in quattro giorni“.

adv-170

Photo by Michael Longmire on Unsplash