Coronavirus: i dipendenti di Vitop e Smurfit Kappa donano agli ospedali del territorio

ALESSANDRIA – Importante gesto dei dipendenti degli stabilimenti di Alessandria e Asti della Vitop Moulding divisione di Smurfit Kappa. I lavoratori, insieme all’azienda produttrice di rubinetti e connettori per il sistema Bag-in-Box che ha raddoppiato la cifra, hanno devoluto oltre 15 mila euro alle strutture sanitarie dell’Alessandrino, in prima linea per combattere il coronavirus. In particolare, attraverso il contributo di Vitop, è stato fornito all’ospedale Santi Antonio e Biagio del capoluogo il noleggio di macchinari per l’emogasanalisi, dispositivi fondamentali nella cura del virus. La donazione dei colleghi astigiani è andata invece alla Fondazione Solidal e Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, impegnate nella raccolta di fondi da destinare agli ospedali della provincia per l’acquisto di materiale e attrezzature.

L’iniziativa rientra nell’operazione lanciata alcune settimane fa a livello nazionale per raccogliere fondi a favore di chi opera nella lotta al Covid-19. Attraverso donazioni in denaro, ore di ferie e permessi, è stata raggiunta la cifra complessiva di 75 mila euro, importo raddoppiato dall’azienda arrivando a oltre 151 mila euro distribuiti fra 14 istituzioni che operano nei territori dove hanno sede gli impianti di Smurfit Kappa.

adv-384

Il contributo dei dipendenti si aggiunge ai 100mila euro donati dall’azienda alla Protezione Civile e che sono parte di un importo di 1.5 milioni di euro messo a disposizione della multinazionale per le sedi europee.

In un contesto così difficile e complesso, l’azienda ha sempre messo al primo posto la sicurezza dei suoi lavoratori stipulando una polizza assicurativa il cui obiettivo è la copertura dei 2.000 dipendenti italiani per costi e inabilità derivanti da un eventuale contagio, oltre ad attivare tutte le procedure necessarie per garantire la massima sicurezza in ogni ambiente di lavoro. A conferma dell’interesse che questo tema riveste, Smurfit Kappa ha invitato i dipendenti a rispondere a un breve sondaggio sulla percezione della situazione creata dal Covid-19 e su come hanno vissuto l’esperienza lavorativa in questi due mesi. Un’iniziativa finalizzata anche a raccogliere suggerimenti e idee per migliorare sempre di più e non abbassare la guardia in un momento delicato come la fase di ripresa che stiamo vivendo.

Inoltre, ogni dipendente avrà la possibilità di ritirare e portare a casa propria una confezione di 2 litri di gel disinfettante: un piccolo gesto per rammentare a tutti l’importanza dell’igiene personale e il lavaggio delle mani come prima barriera alla diffusione del Covid-19, non solo in azienda ma anche in famiglia.