adv-517

ALESSANDRIA – La seconda indagine trimestrale congiunturale del 2020 realizzata da Confartigianato Imprese Piemonte è stata caratterizzata dalle preoccupazioni derivanti dall’emergenza coronavirus che ha causato l’arresto di quasi tutte le attività economiche per due mesi e mezzo. Ma ancora di più, anche dopo il lockdown, continua a spaventare la grave incertezza su un futuro e una crisi tutt’altro che superata. 

In questo senso landamento occupazionale ha visto un saldo profondamente negativo tanto da precipitare dal 9,02% al -31,87%. Le previsioni di assunzione di apprendisti registrano un saldo negativo pari a -42,70%. Gli intervistati che prevedono investimenti per ampliamenti salgono invece dall’8,98% al 10,44%, mentre le previsioni di investimenti per sostituzioni scendono dal 26,76% al 12,90%. Al contrario coloro che non hanno programmato investimenti salgono dal 30,15% al 76,66%.

Le stime di regolarità negli incassi scendono dal 68,28% al 44,97% mentre le ipotesi di ritardi crescono dal 20,34% al 54,46%. Il 92,98% degli intervistati ritiene che la diffusione del coronavirus abbia avuto un impatto negativo sulle loro imprese, mentre solo il 7,02% dichiara di non aver subito alcun effetto. Esaminando la riduzione del volume d’affari causata dalla pandemia l’8,7% del campione stima di non avere avuto alcuna riduzione; 3,80%dichiara una percentuale inferiore al 10 per cento; il 37,19% stima una diminuzione tra il 10 ed il 30 per cento; il 33,21% un calo tra il 30 ed il 50 per cento; il 17,00% una riduzione tra il 50 e l’80 per cento.

Per quanto riguarda gli effetti stimati, il 16,89% degli intervistati prevede cancellazione di ordini, mentre il 5,51%dichiara la cancellazione di eventi o di fiere; il 9,30% ipotizza la mancata o ritardata consegna di merce ai clienti; il 68,50% denuncia una riduzione della produzione. Tra coloro che hanno dichiarato una riduzione della produzione, il 18,98% la stima tra lo zero ed il 10 per cento; il 40,80% tra il 10 ed il 30 per cento; il 30,17% tra il 30 ed il 60 per cento; il 9,11% oltre il 60 per cento; lo 0,95% denuncia una perdita della produzione del 100 per cento.

La situazione impone una risposta puntuale e soddisfacente sia dal punto di vista sanitario, sia da quello economico, che sono strettamente connessi. Occorre lo stanziamento di risorse adeguate per potenziare le strutture sanitarie e per individuare un vaccino efficace e disponibile per tutti. Contemporaneamente sono indispensabili misure per semplificare la burocrazia, agevolare l’accesso al credito, ridurre la pressione fiscale“, ha spiegato Giorgio Felici presidente di Confartigianato Imprese Piemonte. Che poi ha concluso: “Gli artigiani possono superare anche questa tempesta, ma occorre che le Istituzioni facciano la loro parte a favore delle piccole imprese, nell’interesse di tutto il Paese”.