adv-114

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Continua il viaggio alla ricerca dei sapori legati al territorio monferrino. La scorsa settimana, a San Maurizio, frazione di Conzano, un piccolo paesino in provincia di Alessandria, avevamo scoperto come preparare, con pochi ingredienti, una squisita torronata.

La ricetta protagonista di questo secondo appuntamento sarà, invece, la torta di zucca. Si adatta perfettamente a questa stagione – l’autunno – e ci permette di utilizzare, come insegna il critico enogastronomico Edoardo Raspelli, i prodotti del territorio, ossia la zucca, in questo caso. Inoltre, si abbina al prossimo venturo clima «halloweeniano». Siete pronti?

Per preparare questa ricetta, abbiamo contattato, di recente, Eleonora Viale, esperta della cucina tradizionale piemontese. La sua famiglia tramanda, di generazione in generazione, il sapere enogastronomico monferrino.

adv-2

Secondo Eleonora, la torta di zucca “è un dolce della cucina contadina, molto diverso dalla sorella americana, la cosiddetta Pumpkin Pie. Il suo sapore unico e inconfondibile sa di autunno, di focolare, di famiglia, di voglia di stare insieme. Viene, infatti, annoverata tra le delizie del nostro Monferrato”.

Le abbiamo chiesto cosa rendesse unica questa prelibatezza: “Vi proporrò proprio la ricetta della mia nonna, ovviamente insuperabile. Preparava questa meraviglia (di cui presto sveleremo alcuni segreti, ndr) durante la stagione autunnale e per tutto il resto dell’inverno – spiega Eleonora -, non appena le zucche raccolte nell’orto raggiungevano la giusta maturazione al sole, sull’aia”. Succedeva “quando la zucca iniziava a profumare, diventando dolce, zuccherosa, e perdendo, quindi, il sentore erbaceo”.

Come da tradizione, a casa di Eleonora la torta di zucca fa la propria comparsa in tavola anche in occasione di feste importanti, tra le quali: Ognissanti, l’8 dicembre, Natale e, infine, l’Epifania.

adv-1

INGREDIENTI – Ecco gli ingredienti per 6/8 persone:

– 1 zucca media (ottima la qualità “Cappello da prete”);
– 2 mele golden;
– 150 grammi di cacao in polvere;
– 250 grammi di amaretti secchi ridotti in polvere;
– 200 grammi di zucchero;
– 4 uova intere;
– 1 bicchierino di liquore all’amaretto;
– 1 cucchiaino di caffè in polvere;
– la scorza grattugiata di un limone non trattato;
– 1 cucchiaino di essenza di vaniglia;

Per la teglia: pangrattato (quanto basta) e burro (quanto basta).

PREPARAZIONE – Lavate bene la zucca e tagliatela a fette spesse, lasciando la buccia. Disponete le fette in una teglia foderata con carta da forno. Sistematele in forno a 180°, sino a quando la polpa diventa morbida e cotta. Lasciate intiepidire le fette. Prelevate, poi, la polpa, che dovrà essere ridotta in purea, alla quale andranno unite le mele grattugiate o frullate.

In una terrina capiente, mettete la purea di zucca e mele insieme a tutti gli altri ingredienti rimasti. Mescolate con energia. Il composto risulterà omogeneo e cremoso. Nel caso in cui fosse troppo liquido, potreste aggiungere un po’ di pangrattato.

Prendete una tortiera dal diametro di 28 cm, imburratela e passatela con il pangrattato. Versate, quindi, il composto preparato; livellate e cospargete con una decina di fiocchetti di burro la sua superficie.
Infornate a 180° per 50/60 minuti. Controllate, a questo punto, la consistenza della torta: se la sentite soda sotto le dita, significa che è pronta.

Sfornate e fate raffreddare per bene. Una volta impiattata, potrete lucidarla con il miele di acacia o utilizzando una marmellata a vostra scelta.

CONSIGLIO – Anche in questo caso, è possibile abbinare la ricetta a un vino di qualità. La torta di zucca, infatti, è ottima se servita con il Moscato bianco di Casorzo, per rimanere nella tradizione; ma anche un vino trentino, come il Gewürztraminer, se vogliamo uscire dal Piemonte, è perfetto.

Foto di skeeze da Pixabay