Ospedale - Photo by Ibrahim Boran on Unsplash
adv-686

PIEMONTE – La Regione Piemonte è intervenuta sullo studio dell’Università Cattolica in merito alla situazione covid-19. Nel dossier è stata analizzata la situazione delle terapie intensive tra cui anche quella piemontese. Il focus, secondo gli analisti, riporta una saturazione dei posti aggiuntivi in terapia intensiva del Piemonte pari all’83%. Un dato che però è stato contestato dalla Regione. Dall’ente è stato infatti replicato che “sono 327, in Piemonte, i posti ordinari di terapia intensiva, ma all’occorrenza possono esserne attivati immediatamente altri 250, arrivando in tutto a 580 posti“.

Sulla base di questi numeri per la Regione “è sbagliato parlare di saturazione delle terapie intensive piemontesi, dal momento che attualmente i ricoverati in intensiva sono in tutto 227 di cui 43 Covid. Quindi è stato occupato al momento per Covid e non Covid solo poco più del 30% dei posti potenzialmente disponibili“.