Coronavirus
adv-476

PIEMONTE – Sono 2 i decessi di persone positive al covid in Piemonte in base all’ultimo bollettino del 17 ottobre 2020 (si ricorda che il dato di aggiornamento cumulativo comunicato giornalmente comprende anche decessi avvenuti nei giorni precedenti e solo successivamente accertati come decessi Covid). In provincia di Alessandria non è stato registrato alcun morto nell’ultimo aggiornamento ma il dato complessivo sale a 419deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi per provincia: 688 Alessandria, 257 Asti, 213 Biella, 402 Cuneo, 388 Novara, 1847 Torino, 227 Vercelli, 133 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 41 residenti fuori regione ma deceduti in Piemonte.

Sfiorano invece quota mille il numero di contagi in Piemonte dove ora si contano 42.867 casi (+ 972 rispetto a ieri di cui 594 asintomatici311 screening,, 404 contatti di caso, 257 con indagine in corso. Ambito: 76 RSA, 162 scolastico, 734 popolazione generale. I casi importati sono 4 su 972). In provincia di Alessandria l’incremento rispetto a venerdì è stato di 84 casi. Ecco il dato complessivo per province: 4878 Alessandria, 2322 Asti, 1407 Biella, 4688 Cuneo, 3991 Novara, 21.646 Torino, 1866 Vercelli, 1354 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 355 residenti fuori regione ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 360 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

I ricoverati in terapia intensiva sono 51+rispetto a ieri).

adv-195

I ricoverati non in terapia intensiva sono 701(+3 rispetto a ieri).

Le persone in isolamento domiciliare sono 8128

I tamponi diagnostici finora processati sono 849.485 (+ 11.066 rispetto a ieri),di cui 455.553 risultati negativi.

adv-704

Infine le persone guarite sono 29.246(+112 rispetto a ieri), così suddivisi su base provinciale: 3573 (+13) Alessandria, 1666 (+6) Asti, 916 (+5) Biella, 2866 (+16) Cuneo, 2735 (+7) Novara, 14.847 (+56) Torino, 1400 (+4) Vercelli, 1044 (+5) Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 199 (+0) provenienti da altre regioni.

Altri 545 sono “in via di guarigione”, ossia negativi al primo tampone di verifica, dopo la malattia e in attesa dell’esito del secondo.