adv-881

ITALIA – “Non possiamo perdere tempo, dobbiamo adottare tutte le misure necessarie per scongiurare un lockdown generalizzato”. Così il premier Giuseppe Conte nel presentare il nuovo Dpcm con le misure anti coronavirus. “Siamo consapevoli che imporremo sacrifici economici ma c’è l’impegno del Governo a ristorare chi è in difficoltà, non sarà la stessa strategia della scorsa primavera”. 

“I sindaci potranno disporre la chiusura dopo le ore 21 di vie e piazze dove si creano assembramenti” ha aggiunto Conte “tutte le attività di ristorazione saranno aperte dalle 5 a mezzanotte se il consumo sarà ai tavoli. Al tavolo potranno sedersi al massimo sei persone e i ristoratori dovranno affiggere fuori dal locale il numero massimo di clienti consentito dai protocolli. Se il consumo non avviene ai tavoli i locali dovranno chiudere alle 18. Saranno sempre consentite le consegne a domicilio, l’asporto invece potrà avvenire fino a mezzanotte. Le sale gioco, le sale scommesse e i bingo saranno aperti fino alle 21. Vietate le sagre e le fiere locali, consentite le manifestazioni fieristiche nazionali e internazionali”. 

adv-118

La scuola continuerà in presenza ma, nelle superiori, saranno favorite modalità ancora più flessibili di organizzazione dell’attività, con ingressi dalle 9 e, se è possibile, anche con turni pomeridiani. Resta vietato lo sport da contatto amatoriale e” ha aggiunto Conte “non saranno consentite gare e competizioni dilettantistiche di base”. Più precisamente, nel Dpcm, si legge che “l’attività sportiva dilettantistica di base, le scuole e l’attività formativa, di avviamento relative agli sport di contatto sono consentite solo in forma individuale e non sono consentite gare e competizioni”. 

In attesa di ulteriori chiarimenti, riguardo al calcio ad esempio, saranno quindi sospese le competizioni giovanili, oltre alle gare di Seconda e Terza Categorie. Continueranno i campionati professionistici, la serie D, Eccellenza, Promozione e Prima Categoria. “Consentita l’attività sportiva in forma individuale” ha precisato il premier.

Capitolo palestre: “Daremo una settimana di tempo per far adeguare tutte le palestre ai protocolli di sicurezza. Molte lo hanno già fatto, altre ancora no” ha annunciato Conte “se non sarà così, tra una settimana saremo costretti a chiuderle”.

adv-400