adv-789

ALESSANDRIA -Il sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco, ha risposto ai commercianti che avevano chiesto aiuto al primo cittadino. Un appello per ottenere un’aiuto e un’azione concreta in seguito alle misure anti covid adottate dal Governo, contenute nel nuovo Dpcm. Il sindaco in una lettera ha puntualizzato il ruolo e l’impegno del Comune, “obbligato a recepire i provvedimenti emanati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e ad applicare quanto stabilito dai criteri generali di tali provvedimenti senza la possibilità di derogare le norme in senso estensivo rispetto a quanto disposto“.

Questo per non ha impedito all’ente di formalizzare al Presidente del Consiglio dei Ministrila situazione di grave difficoltà economica in cui verte la nostra Comunità” attraverso una Nota inviata al Presidente Giuseppe Conte il 29 aprile 2020. Nel documento sono stati segnalati alcuni ambiti su cui concentrare gli interventi strutturali di breve e medio termine richiesti al Governo. Tra le varie azioni, ha rimarcato Cuttica, “la richiesta avanzata circa il sostegno finanziario diretto alle imprese locali e ai privati che subiscono rispettivamente l’azzeramento del fatturato e la disoccupazione per il pagamento (e non per la dilazione delle scadenze) di affitti, canoni di locazione, utenze e rate mutui col fine di evitare il collasso della rete socio-assistenziale locale”.

A questo si è aggiunto nelle scorse settimane un appello dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) indirizzato al Governo che rimarcava “l’esigenza di ristori celeri per le categorie colpite, cassa integrazione efficace e interventi fiscali a favore delle categorie economiche maggiormente colpite da questo nuovo periodo di lock-down“. Il consiglio comunale, prosegue Cuttica, ha anche approvato un ordine del giorno che esortava il Governo a istituire e finanziare zone economiche speciali nei Comuni della Provincia di Alessandria maggiormente colpite dalla crisi pandemica al fine di recuperare il gap socio-economico delle zone piemontesi a bassa produzione di reddito ed evitare l’emarginazione imprenditoriale delle stesse nella fase di rilancio produttivo del Paese.
Nell’elenco di attività il sindaco ha incluso poi “specifiche norme contabili e finanziarie volte a consentire la revisione del Piano di ammortamento del disavanzo finanziario rinviando la rata 2020 del piano medesimo in modo da liberare risorse liquide da poter mettere subito in campo per rispondere in maniera efficace all’emergenza economica e sociale che stiamo vivendo“.
L’Amministrazione, ha concluso Cuttica, ha infine presentato e approvato il progetto ‘AL.VIA’ per agevolare la ripresa economica a favore delle attività economiche duramente colpite dal periodo del lock-down. Un intervento da “1,3 milioni di euro in riduzione e azzeramento di imposte e tariffe comunali“. Un impegno, ha chiuso il sindaco, che proseguirà ancora sempre a sostegno dei commercianti cittadini.

adv-87