In 10 anni l’industria manifatturiera del Piemonte ha perso il 16,5% di imprese attive

PIEMONTE – L’industria manifatturiera del Piemonte ha regisrtato nel III trimestre 2020 35.492 imprese attive, in calo del -1,3% rispetto al 2019 e addirittura del -16,5% sul 2010. Un dato che, pur confermando la regione come una delle principali aree produttive del Paese, sesta in Italia per numero di aziende manifatturiere, posiziona il Piemonte al secondo posto per tasso di calo. La fotografia preoccupante è stata realizzata da Studio Temporary Manager, società specializzata nei servizi di temporary management.

adv-145

Tutte le province piemontesi negli ultimi 10 anni hanno registrato un calo delle imprese manifatturiere attive, con valori più alti a Biella (-21,6%) e Verbano-Cusio-Ossola (-20,1%). Seguono Novara (-18,3%), Vercelli (-16,9%), Torino (-16,1%), Asti (-15,6%), Alessandria (-15,4%) e Cuneo (-15,3%). Torino (17.429 imprese) e Cuneo (5.183) si confermano, invece, i territori con il numero più alto di aziende del settore. La città di Torino (17.429 imprese) si conferma anche la provincia con il numero più alto di aziende del settore.