tampone

PIEMONTE – Sarebbero 40mila i piemontesi positivi asintomatici al Covid-19 sfuggiti alla rete di controlli per una presunta carenza di tamponi. La denuncia è stata lanciata dal sindacato medico Anaao-Assomed che ha messo a confronto i dati dei contagi con quelli dei ricoveri negli ospedali del Piemonte.

In Piemonte calano i positivi al Covid, ma il numero dei ricoveri non segue lo stesso trend. Attualmente risulta ricoverato oltre il 19% dei positivi (oltre il 17% includendo gli esiti dei tamponi rapidi), su una media nazionale del 4,5%“, scrive Anaao. Dati che, secondo il sindacato, ricordano “la situazione di marzo, quando tutte le Regioni per carenza di tamponi presentavano un’abnorme percentuale di ricoverati rispetto ai contagi totali, dovuta alla sottostima degli asintomatici“. Questo vuol dire che “l’impennata nella percentuale dei ricoverati si può spiegare solo se in Piemonte esiste da dicembre una variante del virus meno contagiosa ma più aggressiva, cioè che contagia meno ma porta di più al ricovero, oppure se si sono persi migliaia di contagiati asintomatici che non sono stati sottoposti a tampone“.

Nella giornata di ieri, martedì 12 gennaio 2021, i dati diffusi dall’Unità di Crisi della Regione parlano di 939 nuovi contagi, con un rapporto del 5,2% rispetto ai 18.152 tamponi (compresi gli antigenici) effettuati. I ricoverati hanno subito un leggero calo con 171 in terapia intensiva (- 6 rispetto al giorno precedente) e 2653 negli altri reparti (- 52).

adv-433