Cirio: “Se i numeri dei contagi continuano a scendere Piemonte in giallo da febbraio”

PIEMONTE – “I numeri oggi fanno ben sperare, se il trend continuerà così si potrà sperare nella zona gialla dai primi di febbraio, ma tutto dipenderà come sempre da noi“. Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, commentando i dati e l’indice Rt trasmessi oggi al ministero della Salute.

La nostra pagella settimanale conferma tutti i dati in miglioramento. L’indice dei contagi, dei positivi sui numeri dei tamponi fatti, l’incidenza, il numero dei focolai sono tutti in diminuzione“, ha aggiunto il Governatore. In particolare Cirio ha spiegato che “l’Rt scende da 1,14 a 1,04, le terapie intensive si attestano a un’occupazione del 27%, quindi sotto soglia, stabili rispetto alla settimana precedente, mentre i ricoveri ordinari scendono dal 46 al 43%“.

adv-529

Cirio ha spiegato dunque, che “qui la soglia la superiamo, seppur di poco, a testimonianza di come i malati sono ancora tanti e il virus sta ancora circolando e quindi non dobbiamo abbassare la guardia. Venerdì prossimo quando analizzeremo i dati della seconda settimana potremo sapere il colore per la nostra zona e se le cose continueranno ad andare così si potrà sperare nella zona gialla dai primi di febbraio. Ma tutto dipenderà come sempre da noi“.

Il Report 36, come spiegano dalla Regione, riporta una valutazione della probabilità di diffusione Bassa (per la riduzione dell’incidenza e dei nuovi focolai), riguardo alla resilienza dei servizi sanitari territoriali non sono segnalate Allerte, la valutazione di impatto sui servizi ospedalieri resta valutata Alta (perché il tasso di occupazione dei posti letto ordinari scende, ma è ancora oltre soglia) e la classificazione complessiva di rischio di questa settimana passa da Alta a Moderata. Il Piemonte risulta nello Scenario 1.