Immagine Telethon Alessandria: la sede chiuderà ma l’attività continuerà senza intoppi
adv-714

ALESSANDRIA – Dal 31 gennaio la sede della Fondazione Telethon di Alessandria chiuderà ma l’attività benefica dell’associazione continuerà. Questa la rassicurazione di Vincenzo Fasanella, Coordinatore Telethon Provincia Alessandria.

Nel 2006 dopo 6 anni di chiusura, la Giunta Comunale di allora concesse il locale – ex farmacia – in viale Medaglie d’Oro 40 a Telethon che poi fu condiviso con altra onlus di standing nazionale ed internazionale: l’Unicef” ha raccontato Fasanella “sono stati 14 anni di massima sintonia, collaborazione ed amicizia che hanno determinato tra Unicef e Telethon una ottima convivenza suffragata a volte da iniziative comuni, ottemperando congiuntamente a tutti gli obblighi contrattuali in termini di pagamento canoni, spese condominiali ed accessorie. Due gli elementi che hanno condizionato la scelta di chiudere la sede Telethon. Il primo, una inaspettata formale disdetta del contratto di locazione inviata a novembre 2019 dal locatore Comune di Alessandria per revisione generale del contratto, per la quale revisione non ci é mai pervenuta una proposta ove fossero indicate nuove condizioni contrattuali”. 

Il secondo elemento la pandemia, che ci sta colpendo e di cui non se ne intravede la fine. La diffusione di questa malattia epidemica e l’evolversi della stessa ha determinato un’attività in “smart working” in continuo sviluppo. In accordo, dunque, con la mia Direzione Generale, ho ritenuto di chiudere la Sede provinciale Telethon, garantendo minori oneri al risultato gestionale della Fondazione, beneficiando così la ricerca scientifica sulle malattie genetiche”. 

L’attività del Coordinamento, ha rimarcato Fasanella, “proseguirà comunque con maggiore intensità armonizzando sempre più rapporti interpersonali, corrispondenza sia epistolare che via web con i volontari e sostenitori che ringrazio per la loro lodevole partecipazione e disponibilità. Da volontario sul territorio continuerò costantemente a sensibilizzare la comunità per raccogliere fondi a sostegno delle nostre attività di ricerca. D’altronde Telethon in 30 anni é stato edificato sulla generosità dei donatori, sul talento e la tenacia degli scienziati, sulla forza e la fiducia delle famiglie; un apprezzamento e una riconoscenza meritevoli per far avanzare la ricerca biomedica verso la cura delle malattie genetiche rare. I miei recapiti di contatto rimangono invariati: 340/1268774 e l’indirizzo mail [email protected]”. 

adv-490