Morto Alfred Stork il criminale nazista conosciuto come il boia della Divisione Acqui
adv-132

ACQUI TERME – È morto all’età di 97 anni, Alfred Stork, l’ultimo criminale nazista a essere stato condannato in Italia. Il decesso risale al 2018 ma la notizia della sua scomparsa è arrivata in Italia solo a fine febbraio. Il suo nome, ai più non dirà molto, ma è legato a doppio filo con la storia della città di Acqui Terme. Il 27 settembre 1943, infatti, sull’isola di Cefalonia veniva consumato l’eccidio della Divisione Acqui e del I Battaglione Mobilitato della Guardia di Finanza. Un massacro a cui la città della bollente ha dedicato dal 1968 il Premio Acqui Storia. Un modo per non dimenticare e ricordare l’eccidio perpetrato dai criminali nazisti nei confronti degli acquesi arruolati nell’esercito durante la Seconda Guerra Mondiale.

Alfred Stork era caporale della Wehrmacht ed era inquadrato nel plotone di esecuzione che in località ‘casetta rossa’ uccise centinaia di prigionieri della compagine di fanteria comandata dal Generale Antonio Gandin. Nel 2013, per questo eccidio, venne condannato nel 2013 in contumacia all’ergastolo dal tribunale di Roma. Il criminale di guerra nazista il 27 settembre 1943 avesse partecipato alla fucilazione di oltre un centinaio di ufficiali italiani.