Il cambio di colore del Piemonte legato alla situazione di ospedali e contagi
adv-18

PIEMONTE – Cambio di colore in vista per l’Italia dopo il lockdown di Pasqua. Venerdì 8 aprile 2021, come ormai da consuetudine, il ministro Roberto Speranza firmerà le ordinanze per il cambio di fascia. Molte le regioni chiamate a passare in arancione dopo le festività. Ricordiamo che la zona gialla è attualmente sospesa sino al 30 aprile 2021. A passare in una fascia di rischio minore potrebbero essere Lombardia, Emilia Romagna e il Friuli Venezia Giulia. Ma a sperare è anche il Piemonte.

Il punto più incombente relativo al passaggio per la nostra regione da rosso ad arancione è legato sicuramente alla situazione degli ospedali. Il numero dei ricoverati in terapia intensivo rimane sempre piuttosto alto, superiore alle 350 unità, anche se ieri ha visto un decremento importante (-17). A preoccupare anche l’occupazione dei posti negli altri reparti con attualmente 3.889 pazienti, +7 rispetto al giorno prima. Si tratta del 59% dei posti letto di terapia intensiva occupato da pazienti positivi al Covid. In provincia di Alessandria sono 33 i pazienti ospitati attualmente in terapia intensiva. A zero, attualmente, solo l’ospedale di Novi Ligure.

Anche il numero dei contagi, sceso drasticamente nel periodo di Pasqua ma anche a fronte di un numero esiguo di tamponi effettuati, è ancora piuttosto elevato seppur in attenuazione rispetto a due settimane fa. Il Piemonte è leggermente sceso sotto la soglia limite dei 250 contagi ogni 100 mila abitanti. Un passaggio che potrebbe avvenire però già a partire dalla prossima settimana. Decisamente meglio l’indice Rt da tempo inferiore alla soglia di guardia di uno. Attualmente l’Rt si attesta sullo 0.90 in costante, ma lenta, discesa.

adv-819