A Strevi un mini hub vaccinale interamente gestito dal Comune: “Così siamo più vicini ai cittadini”
adv-599

STREVI – Un mini hub vaccinale interamente gestito dal Comune di Strevi. A presentarlo in diretta a Caterpillar, programma in onda su Rai Radio2, è stato Alessio Monti, sindaco della città in provincia di Alessandria. “Per venire incontro al territorio ma anche a una popolazione piuttosto anziana, abbiamo proposto all’Asl locale di creare nel territorio comunale un mini hub per l’inoculazione dei vaccini Covid alla popolazione“. Il tutto a spese del Comune: “Circa tremila euro al mese per aiutare i più deboli e non solo a proteggersi dal Covid-19“.

Tutto è nato da un’idea dello stesso primo cittadino e dal medico condotto Claudio Perrone proprio con l’intento di vaccinare quanti più cittadini possibile senza obbligarli a fare medi o lunghi viaggi, “soprattutto perché abbiamo una popolazione piuttosto anziana che non aveva la possibilità di spostarsi verso i centri zona per sottoporsi all’inoculazione del siero“. Ecco che attraverso “una lettera inviata alla Asl abbiamo comunicato che eravamo pronti a farci carico di tutti i costi per creare un centro vaccinale indipendente“. Da quel momento è partito tutto l’iter per permettere alla cittadina di quasi 2000 abitanti di avere un centro per i vaccini anti-Covid personalizzato.

In circa tre ore l’hub di Strevi è in grado di vaccinare, a pieno regime e salvo l’arrivo costante e puntuale delle dosi, tra le 60 e le 65 persone. “Circa un cittadino ogni tre minuti, tra compilazione dei dati, visita e inoculazione“, spiega questa volta a RadioGold il sindaco Monti. L’esperimento, riuscito, è partito una decina di giorni fa, per la precisione il 2 aprile, e in tutto sono state 200 le persone vaccinate. Dopo aver finito gli over 80 ed essere avanti con la fascia 70-79, sono già stati chiamati i primi over 60. La sede vaccinale di Strevi si trova nei “locali della Pro Loco dove al mercoledì e al venerdì pomeriggio i cittadini possono ricevere la dose di vaccino senza fare troppa strada rispetto a dove abitano“.