A Casale Monferrato partiti i lavori di bonifica per l’ex Piemontese
adv-578

CASALE MONFERRATO – I lavori di bonifica sono stati avviati da pochi giorni, e l’Amministrazione comunale sta vagliando le varie opzioni per l’ex Piemontese al Ronzone: “Certamente sarà un’area a disposizione della città dove tutti potranno usufruire di servizi e spazi all’aperto a due passi dal centro e raggiungibile con la bella pista ciclabile che arriva al Parco Eternot”, spiega il sindaco di Casale Monferrato, Federico Riboldi.

Sono questi i propositi per il futuro della zona: nel febbraio 2020 il Ministero dell’Ambiente ha dato il via per la bonifica e la messa in sicurezza del territorio. I lavori prevedono pulizia dell’area, rimozione dei rifiuti urbani e macerie abbandonati a terra, l’avvio in discarica del terreno contenente ancora tracce di amianto, l’isolamento superficiale del terreno – come già era avvenuto per l’ex area Eternit – e la recinzione della zona.

Un lavoro che avrà un costo di circa 3 milioni e mezzo di euro e che porterà a compimento un’altra importante bonifica dell’ampia area che fu dell’Eternit. Casale Monferrato si è distinta a livello mondiale per la qualità e l’efficacia nelle bonifiche e saranno effettuati i lavori nell’ex Piemontese grazie a questa consolidata esperienza, nel pieno rispetto degli stretti controlli e protocolli Arpa e Asl”, dichiara invece l’assessore all’Ambiente, Maria Teresa Lombardi – .

L’intervento rientra nel più ampio progetto del Sin (Sito d’Interessa Nazionale) di Casale Monferrato, che comprende 48 Comuni le cui bonifiche dall’amianto hanno visto negli anni finanziamenti statali pari a circa 120 milioni di euro. Si tratta di stanziamenti che hanno permesso alla città e al territorio di essere la zona più bonificata d’Italia e che punta nei prossimi anni a diventare amianto free con luoghi simbolo dell’Eternit trasformati in servizi e spazi per bambini e famiglie, quali Parco Eternot, la Scuola VerdeBlu e gli alloggi di edilizia sociale.

Con l’ex Piemontese si prosegue in questa direzione: “Come Amministrazione comunale l’intenzione è di realizzare un’area sportiva multidisciplinare, affinché l’intera zona si presti al servizio della cittadinanza. Abbiamo per questo motivo contattato gli Uffici per studiare le opzioni e le possibilità di realizzare un progetto che possa coinvolgere alcuni imprenditori: ci auguriamo che lo sviluppo e la crescita della città sia un valore su cui voglia investire non solo il pubblico, ma anche il privato”, sottolinea l’assessore allo Sport Luca Novelli.