L’arte per una società della cura: l’evento del 22 aprile dell’Ospedale di Alessandria

ALESSANDRIA – Il prossimo appuntamento organizzato dai Seminari del Centro Studi di Cura e Comunità, dedicato alle Medical Humanities, si terrà giovedì 22 aprile alle ore 16 sui canali social dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria.

L’arte per una società della cura – così si intitola l’evento – avrà come ospite Catterina Seia, vicepresidente e co-founder della Fondazione Medicina a Misura di Donna e Presidente Cultural Welfare. Proprio nella Giornata nazionale della salute della donna, istituita nel 2016 dal Ministero della Salute, la dottoressa Seia illustrerà il caso dell’ospedale S. Anna di Torino, che grazie alla sua fondazione è diventato anche luogo di installazioni di artisti, libri e musica in corsia.

Il ruolo dell’arte nel miglioramento della salute e del benessere è indicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità: “I risultati di oltre 3000 studi hanno messo in evidenza il ruolo determinante delle arti per quanto riguarda la prevenzione delle malattie, la promozione della salute e il trattamento e la gestione delle patologie che si manifestano nel corso della vita”. Catterina Seia, di formazione economica e sociologica, si è sempre occupata delle persone, e dal 2010 è impegnata nell’innovazione sociale attraverso la cultura come contributo al welfare. La dottoressa opera in contesti ad alta complessità con istituzioni pubbliche ed enti filantropici a favore delle fasce deboli in diverse infrastrutture locali.

Attraverso l’Associazione di cui è co-fondatrice ha attivato la piattaforma di ricerca-azione sulla relazione tra “Cultura e Salute”. L’Ente ha sede presso l’Ospedale S. Anna di Torino, il più grande dedicato alle donne in Europa, e oggi riconosciuto dalla letteratura scientifica come un hub di innovazione sociale. “L’appuntamento del 22 aprile insieme a Catterina Seia sarà l’occasione per comprendere gli elementi chiave di un percorso virtuoso, ragionando insieme a lei sulle migliori pratiche da attivare nel percorso di cambiamento che l’Azienda” commenta la stessa Azienda Ospedaliera di Alessandria.

adv-461