Il sottosegretario Costa annuncia un allentamento delle restrizioni “a partire dal coprifuoco”

ROMA – È un sottosegretario alla Salute Andrea Costa prudente ma comunque ottimista quello che ha parlato questa mattina al direttivo di Fipe-Confcommercio. Visto il miglioramento della curva dei contagi, i dati sui ricoveri e la campagna di vaccinazione, la cabina di regia in programma per lunedì 17 maggio dovrebbe valutare alcune novità. Tra queste l’allentamento degli orari del coprifuoco, la possibilità di consentire l’attività anche all’interno dei pubblici esercizi e la definizione di una data certa per la ripresa dei matrimoni.

Secondo quanto spiegato dal sottosegretario la prima grande novità in termini di tempo sarà quella relativa al coprifuoco che potrebbe essere posticipato di una o due ore già nella riunione prevista a Roma lunedì. Questo significherebbe che il tutti a casa passerebbe dalle 22 alle 23 o addirittura a mezzanotte. Una boccata d’ossigeno importante per i ristoratori che da settimane chiedono allentamenti delle misure restrittive.

Sarà invece più prudente e graduale, invece, la riapertura dei locali al chiuso e la ripresa dell’attività di banqueting e catering legati a matrimoni, eventi e cerimonie. Tra fine maggio e inizio giugno, sempre a seconda dei dati del contagio, si potrebbe vedere una ripresa. “Siamo di fronte ad prospettive confortanti soprattutto, se come anticipato, saranno precedute da una revisione dei parametri attraverso i quali il governo intende misurare l’evoluzione della pandemia. Oggi, come è evidente, le condizioni sono radicalmente cambiate rispetto a un anno fa e dunque il superamento dell’indice Rt, come unico metro di valutazione, è fondamentale per scongiurare disastrosi passi indietro sulle riaperture“, ha spiegato il presidente di Fipe-Confcommercio, Lino Enrico Stoppani.

Stoppani ha poi aggiunto spiegando che “le nostre imprese hanno bisogno di guardare avanti, programmare la loro attività e ricostruire il legame con i loro clienti, sapendo di poter contare anche sugli spazi al chiuso e sulla ripartenza degli eventi pubblici, delle feste e dei matrimoni, impediti da oltre 14 mesi. Le parole di oggi del sottosegretario Costa, che ringraziamo per l’attenzione e il tempo dedicato, rappresentano un impegno preciso da parte del governo, che noi chiederemo di rispettare per interrompere il circolo vizioso alimentato dalle limitazioni, che ha prodotto danni economici, nuove povertà, dispersione di competenze, rischi sociali e, in generale, l’impoverimento di un settore identitario e strategico per il nostro Paese”.

adv-843

Photo by Jasmin Mazarine on Unsplash