Il Comune vuole ampliare la scuola del Villaggio Europa. M5s: “Che necessità c’è con il calo demografico che viviamo?”
adv-878

ALESSANDRIA – “Quello che vedete in foto è il progetto preliminare per partecipare a un bando per l’ampliamento della scuola Villaggio Europa – Rodari“. Inizia così il lungo post pubblicato su Facebook dal Movimento 5 stelle di Alessandria e relativo alla costruzione di un nuovo fabbricato all’interno del complesso scolastico che possa ospitare un maggior numero di alunni. “Non critichiamo il progetto in sé, che darebbe spazi moderni e più funzionali ai nostri figli. Ci chiediamo però come mai, in un contesto di crollo demografico con la chiusura di molte scuole e classi, la giunta scelga di costruire una nuova scuola senza prevedere di chiuderne altre, ad esempio nei sobborghi“, è la critica mossa dai pentastellati sui social.

Quello pubblicato nella tarda mattinata di giovedì 24 giugno, “è un post per cercare risposte sulle intenzioni di questa Amministrazione sul mondo scolastico, ma anche per chiedere alla cittadinanza cosa possa pensare di questo ampliamento“, ha spiegato il portavoce del M5s Michelangelo Serra. Va detto che quello mostrato dal Movimento è un progetto preliminare pubblico per partecipare a un bando “e questo non peserebbe sul bilancio Comunale“, ha voluto chiarire l’assessore all’Edilizia Scolastica Silvia Straneo.

Serra, dal canto suo, spiega che “un progetto di questo tipo raddoppierebbe di fatto le classi in un periodo storico in cui la città sta attraversando un netto calo demografico. Basti pensare a quello che accade nelle frazioni dove non si trovano abbastanza alunni per far sopravvivere le sezioni delle scuole“. Per questo il Movimento 5 stelle ha voluto domandare all’assessore Straneo “perché si vuole fare un intervento del genere se non si ha intenzione di chiudere o ridurre la capacità di altre strutture. Ma ancora di più perché lo si fa al Villaggio Europa, uno dei quartieri più anziani della città“. A questo, spiega Michelangelo Serra, si aggiunge “la riduzione di un’area verde interna alla scuola che è attualmente molto apprezzata dai bambini soprattutto a inizio autunno e in primavera. Abbattere gli alberi di quel giardino e privarsi dell’ombra che forniscono ritengo sia sbagliato“.

Pronta la replica di Silvia Straneo: “L’ampliamento è stato pensato esclusivamente per dare un maggiore servizio alla città e non solo al quartiere. A questo si aggiunge la necessità di alleggerire la pressione sulla struttura del Girotondo di via Pietro Micca, molto apprezzata e gettonata per cui ci sono liste d’attesa molto lunghe“. Sulla possibile chiusura di scuole in città o nelle frazioni l’assessore all’Ediliza Scolastica ritiene che sia un’ipotesi “lunare. Non abbiamo intenzione di ridimensionare ma di ampliare. E lo vogliamo fare attraverso un bando proprio per non gravare sui bilanci comunali“. Sulla possibilità di perdere una parte di area verde, Straneo replica che “al Villaggio Europa è in progetto un giardino didattico dedicato anche alle scuole, a cui la Rodari avrà accesso. Si tratta di un luogo studiato apposta per educare e rendere allo steso tempo più bella la nostra città“.

adv-277