Il santo del giorno del 24 luglio è Santa Cristina di Bolsena
adv-256

RADIOGOLD – Il 24 luglio la Chiesa celebra Santa Cristina di Bolsena, martire vissuta a cavallo tra il III e il IV secolo dopo Cristo. Secondo la tradizione agiografica fu una credente cristiana martirizzata durante la persecuzione dei cristiani sotto l’imperatore romano Diocleziano, agli inizi del IV secolo.

La storia della martire è raccontata nella Passione di Santa Cristina. Si tratta di uno scritto agiografico che risale almeno al VI secolo. Il racconto parla di una giovane 11enne di nome Cristina nota per la sua straordinaria bellezza. Una condizione che spinse il padre a segregarla in una torre in compagni di 12 ancelle per proteggerla da eventuali insidie da parte di malintenzionati. Nel tempo Santa Cristina si convertì al cristianesimo e il padre la fece flagellare e rinchiudere in carcere. Fu sempre lui a consegnare la figlia ai giudici che le inflissero vari supplizi. A guarirla dalle terribili ferite, recita il racconto,

Il racconto narra di una giovane undicenne di nome Cristina, che, per la straordinaria bellezza, fu segregata in una torre dal padre Urbano, ufficiale dell’imperatore, in compagnia di dodici ancelle. A nulla sarebbero valsi i tentativi del padre di costringere la figlia, divenuta cristiana, a rinunciare alla sua fede; il padre passò allora dalle blandizie alle percosse: la fece flagellare e rinchiudere in carcere e, in seguito, la consegnò ai giudici che le inflissero vari e terribili supplizi. Durante la sua prigionia la giovane venne consolata e guarita da tre angeli. Infine, condannata a morte, le legarono al collo una pesante pietra e la gettarono nelle acque del lago. La pietra però, sorretta dagli angeli, galleggiò e riportò a riva la fanciulla. Santa Cristina verrà infine uccisa con due frecce. È la patrona di Toffia, Gallipoli, Palermo, Ciudad de Osma, Huerta de Abajo (Burgos); Bolsena e dei mugnai.