La Regione Piemonte darà contributi sino a 40 mila euro per andare a vivere in montagna

PIEMONTE – Chi ha mai pensato di mollare tutto e andare a vivere in montagna? Cambiare vita si può e da oggi in Piemonte è più semplice. Questo anche grazie all’aiuto della Regione che ha lanciato una campagna nazionale volta a offrire incentivi a chi sceglie di trasferirsi da una città italiana in uno dei piccoli comuni di montagna incastonati tra le Alpi piemontesi.

La montagna non è e non va vista come una riserva inaccessibile, ma come un grande propulsore di economia, natura, enogastronomia, turismo e di tutto ciò che di meraviglioso ha da offrire. Penso che, dopo due anni di pandemia, questa idea dell’aria fresca, dell’aria pulita, della possibilità per chi lo desidera di vivere a contatto con la natura, siano valori su cui investire per il nostro futuro e per quello delle nostre straordinarie montagne”, sottolinea il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio.

Attraverso questa iniziativa la regione punta a sostenere la rivitalizzazione e il ripopolamento delle aree montane. Chi risiede in un centro urbano in Italia e intende acquistare o recuperare un immobile in un comune montano del Piemonte con meno di 5.000 abitanti, da rendere prima casa trasferendovi la propria residenza, potrà aderire ad un bando della Regione Piemonte che offre contributi da 10 a 40 mila euro. Il bando stanzia complessivamente 10 milioni di euro.

“Una promessa mantenuta e l’offerta di una scelta di vita nuova. Conosco le nostre montagne: abbiamo comprensori sciistici di fama mondiale accanto a valli e borghi da riscoprire che pagano lo spopolamento. Durante i primi mesi del mio mandato ho visitato molte delle Unioni montane, incontrato i sindaci di piccoli Comuni e subito ho chiesto al settore Montagna di lavorare alla realizzazione di un’iniziativa che potesse aiutare i giovani a scegliere la montagna per viverci”, ha dichiarato Fabio Carosso, vicepresidente e assessore alla Montagna della Regione Piemonte. Il bando verrà pubblicato il primo settembre sul sito della Regione e varrà sino a fine dicembre 2021.

In tutto sono 465 i Comuni montani del Piemonte con meno di 5 mila abitanti protagonisti del bando. Di questi 48 sono in provincia di Alessandria.