In Piemonte via alla raccolta di nocciole: “Quest’anno di ottima qualità”

PIEMONTE – Sarà un anno importante per le nocciole piemontesi che quest’anno saranno di ottima qualità. “La Nocciola Piemonte Igp anche quest’anno risulta eccellente e i quantitativi prodotti sono in lieve calo rispetto all’ultima annata. Una coltura che si sta fortemente specializzando e che preserva la biodiversità dei nostri territori. Resta, però, la forte concorrenza turca e, come emerge già dalle prime rilevazioni della borsa merci di riferimento in Turchia, i prezzi delle nocciole turche sono medio-alti per cui bisogna tener conto di questo parametro per definire il giusto prezzo di quelle piemontesi dalle elevate qualità organolettiche“, spiegano Roberto Moncalvo, Presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa, Delegato Confederale.

Oltretutto, come abbiamo mostrato con il documentario Né Tonda né Gentile del giornalista Stefano Rogliatti, le nocciole turche derivano dallo sfruttamento della manodopera. La produzione di nocciole in Piemonte viene invece svolta secondo i migliori standard e garantisce un importante livello di occupazione stagionale, nel pieno rispetto delle regole e dei diritti dei lavoratori, una differenza importante e netta da quanto avviene in altri Paesi extraeuropei, come, appunto, in Tuchia. Stiamo parlando di un prodotto, ovvero la nocciola Igp Piemonte, che tutto il mondo identifica come una eccellenza e che coinvolge 2000 aziende piemontesi con 23mila ettari di superficie coltivata di cui 15mila in piena produzione, per una produzione totale media di 200mila quintali”, ricordano Moncalvo e Rivarossa.