Tre eventi per la Settimana Europea della Mobilità ad Alessandria
adv-621

ALESSANDRIA – In occasione della ventesima edizione della Settimana Europea della Mobilità, anche ad Alessandria, dal 18 al 26 settembre, è previsto un programma di manifestazioni.

La Settimana Europea della Mobilità, giunta quest’anno alla ventesima edizione, è diventata un appuntamento fisso e irrinunciabile per tutte le amministrazioni e i cittadini che si vogliono impegnare sulla strada della sostenibilità e del miglioramento della qualità della vita delle nostre città. Ogni anno nel mese di settembre, migliaia di città e milioni di cittadini europei festeggiano la mobilità sostenibile e lanciano un messaggio di cambiamento e di rinnovamento dei nostri stili di vita.

L’ultimo rapporto Ecosistema Urbano 2020, stilato da Legambiente in collaborazione con Ambiente Italia e Il Sole 24 ore (https://www.legambiente.it/rapporti-in-evidenza/ecosistema-urbano/) ha collocato Alessandria al 93° posto, rispetto ai 104 capoluoghi di provincia italiani per le performance ambientali e, sul fronte della qualità dell’aria, Alessandria viene inserita in quelle città giudicate insufficienti. “In questa situazione sconfortante non ci verrebbe la minima idea di promuovere e organizzare iniziative a favore della mobilità sostenibile, molto meglio stare fermi, immobili, nell’attesa di improbabili tempi migliori”, dicono gli organizzatori, “E invece? Niente da fare! Purtroppo siamo obbligati, perché ce lo chiede l’Europa … dobbiamo obbedire … e quindi, perfino ad Alessandria, ecco il programma delle manifestazioni della Settimana Europea della Mobilità”.

PROGRAMMA DEGLI EVENTI DELLA SETTIMANA EUROPEA DELLA MOBILITA’

Sabato 18 settembre alle ore 17 nel  cortile del Chiostro di Santa Maria di Castello, Piazza Santa Maria di Castello, terza edizione della spettacolare asta delle bici di recupero. Con l’aiuto dell’inimitabile GianAggiusta (Gianluca Pagella) si potrà fare l’affare aggiudicandosi delle bici usate riassemblate con pezzi di recupero o donate dai soci della Ciclofficina. Un’asta colorata e divertente, dove il banditore assegna non solo in base al prezzo, ma anche alla simpatia e volontà dell’acquirente. Vai sul sito ri-cyclo.org per scoprire quali rombanti mezzi ti aspettano, vieni all’evento e fai la tua offerta. Potresti accaparrarti un mezzo unico, con una storia pregressa che potrai continuare con le tue avventure. Ricordati: le nostre aste delle biciclette sono le migliori della città, anche perché sono uniche!!

La presenza della ciclofficina presso il Chiostro di Santa Maria di Castello è un dato di fatto da qualche anno. Il personale delle ciclofficina offre assistenza gratuita a chiunque voglia imparare a mantenere la propria bicicletta e rigenera e ripristina tutte le biciclette che vengono donate liberamente dalla cittadinanza, con l’obiettivo di un recupero virtuoso del rifiuto. I mezzi rinnovati vengono presentati durante l’asta delle biciclette.

Lunedì 20 settembre alle ore 18.30, nel  cortile del Chiostro di Santa Maria di Castello, presentazione del libro “La strada si conquista. Donne, biciclette e rivoluzioni”. Con la presenza dell’autrice Manuela Mellini. Casa editrice Capovolte.

La Settimana Europea della Mobilità vuole ragionare anche su un aspetto sociale, ovvero sul fatto che la bicicletta per le donne non è mai stata solo un mezzo di trasporto, ma un veicolo con cui portare avanti battaglie, sfidare le convenzioni e aprire la via per la propria emancipazione. Ancora oggi è sinonimo di resistenza e rivoluzione nei luoghi in cui le donne devono battersi per i diritti più elementari, ma anche nelle città occidentali, dove la lotta per il proprio riconoscimento va di pari passo con la ricerca di una mobilità democratica e inclusiva, includendo uno sguardo all’ambiente. Ne parleremo con Manuela Mellini, autrice del libro “La strada si conquista. Donne, biciclette e rivoluzioni” che proporrà una prospettiva storica e attuale del valore della bicicletta per l’emancipazione e la quotidianità femminile. Anche per questo, sono invitate tutte le donne alessandrine che quotidianamente si muovono in bicicletta a condividere durante l’evento la propria storia di resistenza ed emancipazione sulle due ruote. Saranno storie, aneddoti, curiosità che raccoglieremo, che saranno da spunto per la discussione e che ci aiuteranno a costruire una narrazione collettiva ricca di significati.

L’evento si svolgerà nel cortile del Chiostro di Santa Maria di Castello in collaborazione con la casa editrice alessandrina Capovolte (https://capovolte.it/).

Domenica 26 settembre alle ore 16.45, nel Chiostro di Santa Maria di Castello, Piazza Santa Maria di Castello, Spettacolo teatrale itinerante “Via Manzoni, fino a qui”. Di e con Massimo Brioschi. Con la partecipazione di Pietro Ariotti. Compagnia Gli Illegali.

Una passeggiata in un pomeriggio domenicale di settembre in uno dei luoghi potenzialmente più interessanti della città ma attualmente sconosciuto e decisamente penalizzato dall’apparenza: il lungo fiume Tanaro, passeggiata “Giovanni e Maddalena Sisto”. Lungo il fiume, in alcuni punti caratteristici, Massimo Brioschi con la partecipazione di Pietro Ariotti, ci racconterà la sua adolescenza che pian piano si diluisce nel ritratto di un’epoca, con arditi e divertenti parallelismi con l’opera manzoniana de I Promessi Sposi. Massimo con il suo “Via Manzoni, fino a qui”, assicura che, nonostante i Promessi Sposi rievochino incubi scolastici, il pubblico non si annoierà, e ci tiene a precisare che alla fine non ci sarà interrogazione!

Ritrovo in Piazza Santa Maria di Castello ad Alessandria, all’entrata del chiostro di Santa Maria di Castello, alle 16.45 per iniziare da lì la  passeggiata.

Tutti gli eventi sono a Ingresso libero con esibizione di Green Pass Vaccinale o tampone negativo nelle 48 ore precedenti

La Settimana Europea della Mobilità ad Alessandria è promossa da: FIAB Alessandria Gliamicidellebici ODV, Associazione Sine Limes, Ciclofficina Ri-cyclo, BlogAL APS, AcdB Museo Alessandria Città delle Biciclette, Casa editrice Capovolte, Compagnia Teatrale Gli Illegali nell’ambito del progetto Riusa e Pedala con il contributo della Fondazione SociAL