Icardi dopo l’incontro con Lantero e Lucchini: “Potenzieremo la sanità ad Acqui e Ovada”
adv-215

ACQUI TERME – La situazione sanitaria dei territori di Acqui Terme e Ovada è stata al centro dell’incontro che Luigi Icardi ha avuto con la delegazione dei sindaci del distretto di Acqui Terme-Ovada. Nel corso della riunione hanno partecipato il direttore generale dell’Asl Luigi Vercellino, il presidente della Provincia di Alessandria, i sindaci di Ricaldone, Cremolino, Rivalta Bormida, Ovada, Ponti e Acqui Terme, oltre all’assessore di Castelletto d’Orba e a un consigliere comunale di Acqui Terme.

L’assessore alla Sanità ha confermato l’impegno della Regione a sostenere il piano di sviluppo dell’ospedale di Acqui Terme elaborato dall’Azienda sanitaria locale di Alessandria, ripensando l’offerta ospedaliera del dopo pandemia, con l’obiettivo di agganciare le opportunità di cambiamento e rilancio legate al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Icardi ha inoltre sottolineato che l’obiettivo sarà quello di rendere sempre più stringente ed efficace l’anello assistenziale ospedale-territorio-ospedale per la presa in carico dei pazienti.

adv-925

Nel corso dell’incontro si è discusso anche degli interventi strutturali di adeguamento agli standard più recenti. In primo piano, la riorganizzazione della rete ospedaliera, con il rafforzamento e l’incremento della terapia intensiva e semi intensiva, la ristrutturazione del pronto soccorso con percorsi separati per garantire la massima sicurezza ai degenti, il potenziamento della diagnostica con l’acquisizione di una apparecchiatura Tac di ultima generazione, la digitalizzazione e l’aumento dell’interconnessione con la medicina territoriale attraverso interventi come l’aggiornamento della connessione a banda larga, il rinnovo delle postazioni informatiche di lavoro, il potenziamento dei firewall aziendali e l’informatizzazione del blocco operatorio, la ricollocazione in spazi adeguati e aggiornati di alcune specialità, la realizzazione di una piattaforma ambulatoriale, ossia un unico luogo dedicato ad ambulatori specialistici con medici ospedalieri e territoriali, l’estensione delle attività di Cardiologia (con ambulatori di primo e secondo livello per lo scompenso, le aritmie e le cardiopatie ischemiche, cardiologia di genere), Riabilitazione (ambulatori di primo livello, integrazione territoriale e riattivazione dei percorsi riabilitativi termali), Neurologia (integrazione con i Centri per i Disturbi Cognitivi e Demenze) e Pediatria (inserimento nella futura rete pediatrica della provincia), il consolidamento delle attività di Medicina interna, Ortopedia, Chirurgia Generale, Radiologia, Terapia Intensiva, Oculistica, Nefrologia, Ginecologia, Ostetricia, Urologia, Otorinolaringoiatria e la realizzazione di percorsi di cura “orizzontali” (con altri ospedali) e “verticali” (nei vari livelli assistenziali quali cure primarie, riabilitazione, assistenza domiciliare, Case della Comunità, ecc.).