Farmacie, incognita tamponi da venerdì: “Possibili problemi organizzativi per troppe richieste”
adv-410

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – L’auspicio è che resti soltanto un timore. Il presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Alessandria Marcello Pittaluga ha espresso la propria preoccupazione rispetto al tema dei tamponi per individuare il coronavirus. Da questo venerdì, infatti, il Green Pass sarà obbligatorio anche nei luoghi di lavoro e il tampone sarà, per chi ha deciso di non vaccinarsi contro il covid, l’unico strumento per ottenere il certificato verde temporaneo: un fattore che, inevitabilmente, comporterà un’impennata di richieste. 

“Sul fronte delle forniture non ci sono problemi, i tamponi arrivano” ha rassicurato il dottor Pittaluga ai microfoni di Radio Gold “le farmacie, però, potrebbero andare in affanno a fronte dell’aumento delle persone interessate a effettuare l’esame. Già in questi giorni sto ricevendo molte telefonate: la gente vuole accertarsi rispetto al fatto che, nella mia farmacia, si effettuano i tamponi. In tutto l’esame dura circa 15 minuti ma, nel caso di un importante aumento delle richieste, non tutte le farmacie del territorio potrebbero essere attrezzate dal punto di vista del personale e degli spazi. Mi riferisco, ad esempio, a quelle più piccole. Su 194 farmacie della provincia di Alessandria, sono 66 quelle che effettuano i tamponi, con circa 200 farmacisti abilitati.

adv-706