Quarantena, Dad e test: il nuovo protocollo per la scuola ai tempi del Covid

ROMA – Il Governo ha pronto un nuovo protocollo per il mondo della scuola ai tempi del Covid-19. Saranno infatti approvate tra oggi e domani le nuove regole dedicate interamente al mondo scolastico. Queste norme permetteranno di gestire al meglio eventuali quarantene, la didattica a distanza e infine i test rapidi (anche salivari) da effettuare. Il tutto per mantenere la scuola in presenza il più possibile anche con l’arrivo dell’inverno e una possibile recrudescenza del Covid-19.

adv-332

LA QUARANTENA A SCUOLA

I dirigenti scolastici non potranno più disporre la sospensione delle lezioni per una classe dove al suo interno è stato individuato un alunno positivo. Al contrario la quarantena sarà solo autorizzata dalle autorità sanitarie. Solo “nel caso in cui le autorità sanitarie siano impossibilitate ad intervenire tempestivamente o comunque secondo la organizzazione di regione/P.A. o Asl il dirigente scolastico venuto a conoscenza di un caso confermato nella propria scuola è da considerarsi quindi autorizzato, in via eccezionale ed urgente, a sospendere temporaneamente le attività didattiche nella classe/sezione/gruppo e comunicare l’avvio delle misure previste dal presente protocollo, sia per i bambini/alunni che per gli insegnanti che sono stati a contatto con un caso Covid-19 confermato (nelle 48 ore precedenti l’insorgenza dei sintomi o all’esecuzione del test diagnostico se asintomatico), in attesa della formalizzazione da parte del DdP“, si legge nel testo in via di approvazione.

CASO DI UN ALUNNO POSITIVO

In caso di positività di uno studente i compagni di classe saranno sottoposti a tampone. Se questo sarà negativo potranno tornare in classe, ripetendo il tampone a distanza di 4-5 giorni. In caso di una seconda positività gli alunni vaccinati o guariti dal Covid-19 negli ultimi sei mesi saranno sorvegliati con i test, gli altri dovranno andare in quarantena. Se i casi totali saliranno a tre scatterà la quarantena per tutta la classe. Per i docenti che hanno svolto attività nella stessa classe del positivo se vaccinati verranno sottoposti a tampone che se negativo gli permetterà di tornare subito a scuola. Al contrario i non vaccinati o guariti dal Covid andranno in quarantena. Per i primi il tampone si ripeterà dopo 4-5 giorni, per gli altri dopo una decina.

CASO DI UN DOCENTE POSITIVO

Se a essere positivo è invece un docente gli alunni della sua classe dovranno essere sottoposti a tampone, e potranno restare in classe se negativi, ripentendolo dopo 4-5 giorni. Se dovesse emergere un altro positivo si attuerà, come da schema del caso dell’alunno positivo sopracitato, la differenziazione tra vaccinati e non sino ad arrivare alla quarantena al sopraggiungere del terzo caso. Gli insegnanti che hanno svolto attività in compresenza con l’insegnante o operatore scolastico positivo verranno sottoposti a test e potranno tornare a scuola se negativi. I non vaccinati o guariti da almeno sei mesi invece andranno in quarantena e ripeteranno il test dopo 10 giorni.