Storie di Alternanza: sul podio i ragazzi del Peano di Tortona e del Sobrero di Casale

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Si sta avviando alla conclusione la IV edizione del Premio Storie di Alternanza. Il premio organizzato dalle Camere di commercio ha l’obiettivo di accrescere la qualità e l’efficacia dei percorsi di alternanza scuola lavoro e di apprendistato, attivando una proficua collaborazione tra il sistema scolastico, le imprese e gli enti coinvolti. Attraverso il “racconto” delle attività svolte e delle competenze maturate nella realizzazione di percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento, di esperienze di alternanza rafforzata o di tirocinio e apprendistato, gli studenti acquisiscono maggiore consapevolezza dell’esperienza fatta, così da essere in grado di effettuare scelte ponderate per il proprio futuro: dalla formazione post-diploma, al proseguimento con gli studi universitari o all’inserimento nel mercato del lavoro.

adv-279

Il premio quest’anno ha ampliato la platea dei possibili partecipanti consentendo la partecipazione anche agli studenti degli Istituti Tecnici Superiori e dei Centri di formazione Professionale e dando la possibilità di “video-raccontare” anche esperienze inerenti a modelli di formazione duale quali l’apprendistato e l’alternanza rafforzata. Per le province di Alessandria e di Asti hanno aderito all’iniziativa 6 istituti scolastici, tutti iscritti nella categoria “PCTO – percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento realizzati da Licei e Istituti Tecnici e professionali”; 4 della provincia di Alessandria e 2 di quella di Asti.

Come sempre, l’iniziativa prevedeva due livelli di partecipazione: uno locale gestito dalle Camere di commercio del territorio e uno nazionale riservato ai vincitori del livello locale.
La commissione di valutazione della Camera di commercio di Alessandria – Asti, riunitasi lo scorso 25 ottobre, ha sottolineato come sia da riconoscere ed apprezzare lo sforzo compiuto dalle scuole per riuscire a rimodulare l’organizzazione dei PCTO. Le scuole, dopo un iniziale periodo di sospensione delle attività di alternanza dovuto al Covid-19, hanno saputo sfruttare gli strumenti tecnologici a disposizione per realizzare esperienze coinvolgenti e formative per i propri studenti, anche in questo particolare e difficile periodo.
Al termine dei lavori, la commissione ha proclamato vincitori i seguenti istituti, a cui l’ente camerale riconoscerà premi in denaro per un ammontare complessivo di 4.000,00 euro:

1° classificato Istituto Pellati di Nizza Monferrato (AT) con il progetto “Web Radio Pell@ti”.
Il progetto ha coinvolto studenti di tutti i corsi dell’istituto e di diverse classi. I ragazzi hanno così potuto instaurare nuovi rapporti e nuove amicizie anche con studenti che prima non avevano avuto occasione di frequentare. Gli studenti coinvolti, coordinati dai docenti di riferimento, si sono occupati di creare e gestire una web radio dell’istituto. Grazie al progetto, i ragazzi hanno potuto sviluppare le competenze relative alla scrittura e alla redazione di testi, all’esposizione orale e alla registrazione degli articoli secondo regole di dizione e di public speaking, oltre ad apprendere tecniche per la registrazione e la manipolazione digitale di tracce audio.

2° classificato Liceo Peano di Tortona (AL) con il progetto “L’arte spiegata ai bambini”
Il progetto è stato realizzato dai ragazzi del corso di Scienze Umane, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Alessandria e con alcuni Istituti Comprensivi del territorio. Gli studenti hanno approfondito alcune tematiche della storia dell’arte e dell’archeologia del territorio, sviluppando nel contempo competenze in ambito pedagogico e della didattica per bambini. Infatti, i ragazzi hanno prima ricevuto una formazione specifica relativa all’area archeologica di Libarna e successivamente hanno organizzato all’interno del sito archeologico stesso una serie di attività ludiche rivolte ai bambini delle scuole primarie, aventi come tema l’antica Roma.

3° classificato Istituto Sobrero di Casale Monferrato (AL) con il progetto “PCTO 4.0”
Il progetto è stato realizzato dagli studenti del triennio “Chimici”, con la collaborazione di Solvay Specialty Polymers spa . Il progetto ha visto la partecipazione di 80 esperti della multinazionale che, collegati da remoto hanno consentito ad un totale di 52 alunni di conoscere, nonostante l’impossibilità di realizzare delle attività in presenza all’interno dei reparti e dei laboratori industriali, la complessa realtà di un’industria in tutte le sue sfaccettature. Sono stati approfonditi sia aspetti teorici sempre collegati alla realtà industriale che tecniche specifiche di laboratorio, con interazioni continue con gli allievi. Nella seconda parte del progetto gli allievi, suddivisi in gruppi, hanno eseguito un project work personalizzato, approfondendo alcuni dei temi trattati. Al termine del percorso, gli studenti hanno presentato i loro lavori in collegamento streaming con i tutor aziendali Solvay che li hanno valutati insieme ai tutor scolastici.

Ora i tre progetti vincitori a livello locale partecipano al livello nazionale dell’iniziativa; Unioncamere proclamerà la graduatoria finale il prossimo 25 novembre nel corso di un evento organizzato nell’ambito della manifestazione Job&Orienta a Verona. A conclusione dell’iniziativa, il Presidente della Camera di commercio di Alessandria-Asti, Gian Paolo Coscia, ha evidenziato l’importanza del Premio “Storie di Alternanza”, che consente di dare visibilità a tutti i soggetti che a vario titolo dedicano tempo e risorse alla formazione dei giovani che saranno gli operatori economici del prossimo futuro. Il Presidente ha inoltre sottolineato che “la Camera di commercio continuerà a mettere in campo iniziative per facilitare l’incontro tra mondo delle imprese e della scuola, a partire dalla creazione di network e partnership territoriali finalizzati alla realizzazione di percorsi trasversali per orientamento PCTO realmente in grado di contribuire all’apprendimento degli studenti coinvolti e in grado di rispondere alle esigenze del sistema economico del territorio”.