“Erica” l’app della Regione Piemonte per aiutare le donne vittime di violenza

PIEMONTE – In occasione della Giornata per l’eliminazione della violenza contro le donne, la Regione Piemonte ha presentato “Erica”, una app per aiutare le vittime di abusi a mettersi rapidamente in contatto con le forze dell’ordine o i centri antiviolenza ed essere geolocalizzate in caso di emergenza.

“Si tratta – ha spiegato l’assessore regionale al Welfare, con delega alle Pari Opportunità, Chiara Caucino – di uno strumento davvero utile e innovativo che invito tutte a scaricare, in particolare le più giovani, alle quali l’app è particolarmente dedicata”. “Avere la sicurezza di poter chiedere aiuto schiacciando semplicemente un tasto sul proprio smartphone, rappresenta un importante sostegno psicologico, ma anche concreto, perché permette alle persone contattate di chiamare immediatamente le forze dell’ordine”. “La violenza contro le donne – ha concluso Caucino – è un fenomeno che va combattuto a partire dall’educazione. Le donne – madri devono insegnare ai propri figli già in tenera età il rispetto per la donna senza dare spazio a stereotipi ormai superati. In futuro lavoreremo per rendere “Erica” sempre più efficace e fruibile”.

L’applicazione, scaricabile gratuitamente e disponibile sulle piattaforme Apple e Android, è interattiva e veloce e consente di mettersi in contatto con i numeri pre caricati, essere geo localizzate e individuare in tempi brevissimi il centro anti violenza più vicino e far conoscere tutte le informazioni utili rispetto ai soggetti che operano nel settore sul territorio piemontese, le opportunità fornite alle persone offese e le normative in materia.

L’applicazione risponde alle caratteristiche di interattività, celerità e geolocalizzazione, funzioni necessarie per renderla veramente utile, anche perché femminicidi e violenza sessuale, nella maggioranza dei casi, sono crimini che non lasciano spazio alla vittima per chiedere aiuto e, dove i casi di cronaca ci dicono che la vittima viene intercettata in luoghi appartati o all’interno delle mura domestiche.

Nel corso del 2020 è stata avviata un’azione a regia regionale comprendente un aggiornamento dell’app e la progettazione e realizzazione di una campagna di informazione per la conoscenza e l’utilizzo dell’app Erica, in particolare presso le ragazze e le donne più giovani, per promuoverne la diffusione e l’utilizzo. Per implementare questa ulteriore azione comunicativa, a corredo e rinforzo della campagna di informazione avviata e finalizzata a favorire ampia informazione sull’app, nonché il suo utilizzo da parte del target giovane della popolazione piemontese, sono stati destinate ulteriori risorse per l’acquisto di spazi per la presentazione e diffusione dell’app, anche attraverso canali multimediali quali radio, social, luoghi di aggregazione giovanile.