Anche ad Alessandria ci sono i Nipoti di Babbo Natale, il progetto per regalare un sorriso ai residenti delle Rsa
adv-135

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – La gioia di ricevere regali non ha età. Così come poter allietare con un sorriso o una piccola coccola chi non ha più nessuno. Lo sanno bene molti ospiti delle Rsa che spesso, per svariati motivi, non hanno un Babbo Natale a cui appellarsi. Per questo, dal 2018, l’evento I nipoti di Babbo Natale, ideato dall’associazione Un sorriso in più, rende meno tristi le festività di chi non ha più nessuno con cui festeggiare.

adv-756

L’idea ci è stata proposta da Katerina Neumann, una ragazza originaria della Repubblica Ceca. Proprio dall’Est Europa è partita l’idea di un progetto a sostegno dei più anziani“, ci spiegano dall’associazione. Quello di Un sorriso in più è “un progetto semplice e pieno di vita per far si che nessun anziano si senta solo a Natale!“. L’idea è tanto semplice quanto geniale: realizzare i desideri, a volte quasi infantili, altre più complessi e articolati, dei residenti delle case di riposo che proprio in prossimità del 25 dicembre spesso soffrono maggiormente per l’assenza di una mano amica da stringere.

Le case di riposo si occupano di raccogliere le ‘letterine’ degli anziani che vengono poi girate a Un sorriso in più. Sarà l’associazione a inserire su un’apposita piattaforma i desideri ricevuti che potranno essere realizzati dai cosiddetti Nipoti di Babbo Natale, ovvero semplici cittadini pronti a regalare un sorriso a chi passerà il 25 dicembre in una Rsa, lontano dai propri affetti. Gli articoli più richiesti sono i tablet o smartphone per restare in contatto con il mondo esterno, ora ancora più lontano a causa del Covid-19. Ma c’è anche chi sogna una cena fuori, un paio di ciabatte calde, una pizza con qualche amico o ancora una gita piuttosto che dei pantaloni nuovi.

adv-201

Quest’anno la campagna è iniziata il 15 novembre e finirà intorno al 31 dicembre. “A oggi sono già stati realizzati 4000 desideri, l’anno scorso erano state oltre 6000“, spiegano ancora. “I Nipoti di Babbo Natale mette al centro la cura dell’anziano, a partire dalla possibilità per loro di esprimere un desiderio e riscoprire una dimensione di ascolto di sé e di affermazione della propria identità; permette di rielaborare i propri vissuti e rivolgere uno sguardo fiducioso al futuro, nell’attesa di incontri felici. Il progetto regala un momento di felicità sia all’anziano, che vive l’emozione di sentirsi scelto, speciale per qualcuno, sia al nipote di Babbo Natale, che decide di esaudire il desiderio di uno sconosciuto, sperimentando la gioia del proprio dono“, aggiungono.

Anche in provincia di Alessandria agiscono I nipoti di Babbo Natale: “Sono al momento tre le case di riposo che hanno voluto aderire a questa iniziativa. Si tratta della Residenza Orchidea Castelferro a Castelferro di Predosa, la Rsa di Valenza Anziani a Valenza e la Residenza Orchidea di Alessandria. Con loro abbiamo stretto un legame proficuo e prolifero“.

Photo by Surface on Unsplash