Sono 54 i Comuni della provincia di Alessandria inseriti nella zona infetta dopo il caso di Peste Suina Africana

PROVINCIA DI ALESSANDRIA – Sono 78 i Comuni, in particolare 54 in Piemonte e 24 in Liguria, individuati dalle due Regioni e dal Ministero della Salute come “zona infetta” da Peste Suina Africana. Una decisione presa dopo il caso di infezione accertato su un cinghiale ritrovato morto a Ovada nella giornata di ieri.

adv-773

Dei Comuni piemontesi della “zona infetta” tutti e 54 si trovano in provincia di Alessandria e sono: Castelletto d’Orba, Voltaggio, Acqui Terme, Arquata Scrivia, Basaluzzo, Belforte Monferrato, Bosco Marengo, Bosio, Silvano d’Orba, Strevi, Tagliolo Monferrato, Tassarolo, Trisobbio, Vignole Borbera, Visone, Prasco, Predosa, Ricaldone, Rivalta Bormida, Rocca Grimalda, San Cristoforo, Serravalle Scrivia, Sezzadio, Morsasco, Novi Ligure, Orsara Bormida, Ovada, Pareto, Parodi Ligure, Pasturana, Ponzone, Lerma, Malvicino, Melazzo, Molare, Montaldeo, Montaldo Bormida, Morbello, Mornese, Castelnuovo Bormida, Cavatore, Cremolino, Fraconalto, Francavilla Bisio, Fresonara, Gavi, Grognardo, Capriata d’Orba, Carpeneto, Carrosio, Cartosio, Casaleggio Boiro, Cassine e Cassinelle.

In vista dell’ordinanza ministeriale che nei primi giorni della prossima settimana stabilirà in dettaglio le misure da attuare nella zona infetta, la Regione Piemonte ha chiesto ai sindaci dei Comuni interessati di vietare sul loro territorio l’esercizio venatorio a tutte le specie, ribadendo la necessità di rafforzare al massimo su tutto il territorio di competenza la sorveglianza nel settore del selvatico e di innalzare al livello massimo di allerta la vigilanza sulle misure di biosicurezza nel settore domestico, con particolare riguardo a tutte le operazioni di trasporto e di movimentazione degli animali, di mangimi, prodotti e persone.

adv-957

Ringrazio l’Istituto zooprofilattico sperimentale di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta e gli Uffici della Prevenzione sanitaria regionale per la tempestività dell’intervento come nel caso della pandemia, anche l’emergenza della Peste Suina Africana va affrontata facendo appello alla collaborazione di tutti. La Sanità del Piemonte è al fianco degli operatori del settore per impedire la circolazione del virus e proteggere gli allevamenti suinicoli“, ha spiegato l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi.