“Alcuni lupi hanno ucciso la mia gatta”: il racconto di una cittadina e il parere degli esperti
adv-608

ALESSANDRIA – “Non mi sento sicura, sono molto arrabbiata”. Monica Gemme, una cittadina residente in una cascina tra Lu e Conzano, ha contattato la redazione di Radio Gold per segnalare la presenza di lupi nella zona dove vive. Da quello che ha raccontato, inoltre, mercoledì mattina alcuni esemplari hanno anche ucciso la sua gatta, Bea.Non era la prima volta che i lupi si sono avvicinati. Già in passato ho notato delle tracce anche nel cortile della cascina. Erano le 8.30 di mercoledì quando la mia micia bianca ha incontrato proprio vicino a casa i lupi che non le hanno dato scampo uccidendola con un morso che le ha rotto la spina dorsale. Non è stata mangiata solo perché i lupi sono stati disturbati dal nostro arrivo. Dalle orme che abbiamo visto intorno alla mia gatta erano di sicuro più di due”.

adv-203

“Si dice che i lupi non siano pericolosi” ha sottolineato la signora Monica “ma stiamo parlando di predatori che hanno fame e in qualche modo devono procurarsi del cibo. Se non trovano cinghiali o caprioli, qualunque altro animale va bene? Tutti si preoccupano di monitorare e salvaguardare il lupo, ma chi si preoccupa di salvaguardare tutte le altre specie animali, domestici o selvatici che siano? Quando i lupi si avvicinano tanto alle case e cominciano a colpirci negli affetti, seppur di un animale domestico, dobbiamo sempre continuare a stare tranquilli, perché dicono che non sono pericolosi per l’uomo o invece sarebbe ora di fare qualcosa per contenerli, prima che facciano di peggio?”

“Il lupo è un animale selvatico e come tale ha un istintivo timore dell’uomo ha sottolineato a Radio Gold su questo argomento il Gruppo Comunicazione Progetto Life WolfAlps EU “d’altro canto è un animale molto intelligente e come tale anche opportunista. Soprattutto con l’espansione della popolazione in contesti dove la presenza umana è più diffusa succede sempre più frequentemente che si avvicini alle case. E’ un fenomeno che non riguarda solo il lupo ma anche altri animali quali cinghiali, caprioli, volpi, rapaci e molti altri. È importante ribadire che è vietato, nonché inopportuno, dare da mangiare alla fauna selvatica, o cercare di avvicinarla, anche se la incontriamo in un contesto abitato. La ricerca di fonti di cibo è una delle motivazioni per le quali gli animali si avvicinano ai centri abitati. In questi casi è opportuno non lasciare nessuna fonte di cibo disponibile all’interno del centro abitato, onde evitare di creare fonti attrattive per la fauna: quindi non lasciare cibo per animali, organico o altre fonti di cibo fuori dalle abitazioni nelle ore notturne”.

In basso la foto di un lupo avvistato qualche settimana fa vicino alla casa della signora Monica.