Anche Ovada all’Euroflora di Genova: tra essenze tipiche e filari di Dolcetto

OVADA – Anche il Comune di Ovada sarà protagonista di Euroflora a Genova. La mostra del florovivaismo si terrà nel capoluogo ligure dal 23 aprile all’8 maggio 2022, dopo due anni di stop a causa del covid e sarà impreziosita anche dalla partecipazione della città ovadese con le sue tipiche essenze e i filari di Dolcetto.

“Grazie agli ottimi rapporti con il Comune di Genova abbiamo avuto l’occasione di poter usufruire di uno spazio nei suggestivi parchi di Nervi” dichiara l’Assessore al turismo Marco Lanzail nostro stand richiamerà le peculiarità della flora del Monferrato, delle sue coltivazioni tipiche. Non mancheranno filari di Dolcetto, piante da frutto e giochi d’acqua per testimoniare la salubrità e la biodiversità di un territorio verde e autentico”.

La proposta, avanzata al Comune già nel 2020, è stata sottoposta a tutto il settore florovivaistico locale trovando la pronta risposta e totale disponibilità della ditta Rocca Fiori che, mettendo a frutto la sua professionalità ed esperienza nel settore florovivaistico, e avendo già partecipato ad una precedente edizione di Euroflora, si è occupata della selezione delle piante per lo spazio espositivo.

adv-869

Lo stand è stato progettato da Franco Rocca e riproporrà “la forma della città di Ovada, cinta tra due fiumi, e le atmosfere della nostra terra nello spazio che ci hanno riservato“. “Proveremo a trasmettere con il linguaggio dei fiori la bellezza dell’ovadese e quello che è possibile trovare nei nostri territori“.

Voglio davvero ringraziare Genova per l’opportunità – ha aggiunto Paolo Lantero Sindaco di Ovada. Questa prima partecipazione spero possa fare da volano per i prossimi anni. Credo che per il settore florovivaistico e turistico il mercato genovese sia una grande opportunità per gli operatori ovadesi, quindi spero che ad ogni prossima ricorrenza di questa manifestazione sia presente uno stand di Ovada, diventando una bella consuetudine per i tanti ovadesi affezionati alla Città di Genova“.